Visualizzazione post con etichetta essere felici. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta essere felici. Mostra tutti i post

Cosa ho imparato dall'operaio che mi ha offeso

lunedì 26 luglio 2021

Cosa ho imparato dall'operaio che mi ha offeso
Cosa ho imparato dall'operaio

Ringrazio l’operaio che fumava il sigaro mentre manovrava l’escavatore, che l’altro giorno, mentre correvo su un pezzo di ciclabile tra un bosco e l’altro, mi ha urlato: “Vai che arrivi primo!”. Mi ha mostrato alcune interessanti dinamiche della società in cui viviamo, quindi, se volete ringraziare qualcuno per le riflessioni che ora leggerete, ringraziate lui.

Ovviamente, all’urlo dialettale e mal pronunciato per la presenza del sigaro appunto, non mi sono nemmeno lontanamente sognato di rispondere, anche perchè sul momento mi ha strappato una mezza risata; poi però, mentre correvo, ho iniziato a riflettere su cosa potesse spingere un individuo ad urlare frasi di un certo tipo ad un perfetto sconosciuto. 

Giornate piene di vite vuote

lunedì 5 luglio 2021

Giornate piene di vite vuote
Giornate piene di vite vuote

A vivere distratti si rischia di non veder passare ciò che conta realmente. Ho vissuto correndo a destra e a manca per molti anni, non facevo altro che fare: arrivare puntuale e preparato agli incontri, lavorare duramente per rispettare le scadenze, persino sentirmi stanco morto, mi faceva stare bene. 

Non si trattava di un benessere fisico o mentale, ma di quel senso di forza e sicurezza che si prova quando si è certi di essere dalla parte della ragione. Quello che, vivendo in questa maniera, non si comprende, è che siamo così certi di star facendo la cosa giusta, da non accorgerci che tutto questo fare, non fa altro che creare un immenso vuoto.

Se non sai parlare non sai pensare

lunedì 14 giugno 2021

Se non sai parlare non sai pensare
Se non sai parlare non sai pensare

Una delle strategie più note, volte a opprimere la popolazione e impedire che questa si ribelli, riguarda ostacolare la diffusione del pensiero attraverso la scrittura. Tutti ricorderete certamente il famoso rogo dei libri nella Germania nazista, attuato con il preciso scopo di eliminare la cultura anti-tedesca per motivi politici e razziali.

Oggi stiamo vivendo qualcosa di molto simile per colpa dell’impoverimento del nostro linguaggio e l’incapacità di molti di utilizzare correttamente l’italiano. Quali possono essere le conseguenze sul pensiero libero di questo pericoloso appiattimento del lessico?


La vera malattia ora non è la pandemia

lunedì 31 maggio 2021

La vera malattia ora non è la pandemia
La vera malattia ora non è la pandemia

Tutti sappiamo che oggi c’è una malattia che sta colpendo milioni di persone in tutto il mondo, solo che crediamo che si tratti dell’attuale pandemia, quando in realtà ve n'è una ancora più pericolosa. Pericolosa perché non ce ne stiamo curando e per questo è destinata a mietere silenziosamente numerose vittime.

Di questa malattia non se ne parla molto, soprattutto perché i media preferiscono discutere di contagi e vaccini visto che questo argomento attira maggiormente l’attenzione e muove un business importante. La malattia a cui mi riferisco si chiama “stanchezza pandemica”.


Perchè la società genera insoddisfazione

lunedì 3 maggio 2021

Perchè la società genera insoddisfazione
la società genera insoddisfazione

C’è un motivo ben preciso per il quale la società in cui viviamo spinge le persone verso l’insoddisfazione, una causa intrinseca alla stessa natura umana, che tenderebbe ad andare nella direzione opposta delle abitudini che ci vengono imposte per il semplice far parte di questo sistema.

Per comprenderlo si deve partire da un segnale: quel senso di rifiuto che si prova nel fare alcuni piccoli gesti, che finiamo inevitabilmente per rimandare e rimandare ancora, fino a quando ci è consentito farlo. Non avete capito niente vero? Ora mi spiego meglio :)

La Carriera è Contro la Famiglia

lunedì 15 marzo 2021

La Carriera è Contro la Famiglia
La Carriera è Contro la Famiglia

Se c’è una consapevolezza che ormai tutti abbiamo è che questa società rende estremamente complicato coniugare la vita lavorativa con quella famigliare. Chiunque sia genitore, come il sottoscritto, sa che già con un lavoro normale i figli li si vede poco, figuriamoci quando si sceglie di mettere il lavoro e la carriera al primo posto.

Con questo articolo vorrei spiegare perché ogni uomo o donna in carriera, che aspiri a diventare genitore dovrebbe porsi una precisa domanda: perchè voglio avere dei figli?



5 rivelazioni che mi hanno cambiato la vita

lunedì 25 gennaio 2021

5 rivelazioni che mi hanno cambiato la vita
5 rivelazioni che mi hanno cambiato la vita

Ci sono 5 rivelazioni che hanno totalmente cambiato la mia vita, lezioni che mi hanno aperto un mondo nuovo e mi  hanno fatto vedere le cose da un punto di vista inedito, al quale prima non avevo mai pensato.

Credo che queste rivelazioni vadano condivise per permettere a tutti di vivere una vita più consapevole e per questo migliore, andando oltre le convinzioni e i dogmi che ci sono stati insegnati. 

Scoprirete (me lo auguro) che apprendere certe verità è un po’ come risvegliarsi da un lungo torpore.


Come funziona il Bipensiero moderno

lunedì 18 gennaio 2021

Come funziona il Bipensiero moderno
Come funziona il Bipensiero moderno

Se non avete mai letto 1984 di George Orwell (pseudonimo di Eric Arthur Blair) beh è il caso di recuperare perchè ciò che accade ai nostri giorni è ben spiegato in quel libro. Se proprio non avete voglia di leggere esiste anche il film, un po’ datato naturalmente, ma abbastanza efficace.

Il bipensiero è un termine coniato proprio in quello scritto, fulcro dell’intera vicenda e alimentato dallo stesso protagonista che nel “sistema orwelliano” ha il compito di rettificare gli articoli di giornale cambiando la storia. In questo modo alla gente si poteva far credere qualunque cosa: cancellare eventi passati e sostituirli con un nuova verità ripetuta ossessivamente e in ogni luogo.

Discorso di fine anno 2020

mercoledì 30 dicembre 2020

Discorso di fine anno 2020
Discorso di fine anno 2020

Carissimi amici, vi aspetto domani (31 dicembre) alle 18:30 per seguire insieme il consueto discorso di fine anno alla community. Anche per quest'anno è arrivato il momento di tirare le somme, è stato un anno difficile e per questo è importante fare tesoro delle lezioni apprese e capire cosa accadrà nel 2021

Questo è stato l'anno delle disillusioni e della verità; abbiamo capito come funziona (o meglio come non funziona) il nostro sistema, ma soprattutto è in atto una grande manipolazione mediatica per raccontare la favoletta delle "rinascita". 

Purtroppo, numeri alla mano, le cose stanno diversamente ed è importante capire bene ciò che accadrà, per evitare di fare le scelte sbagliate. 

Ritratto dell'uomo infelice

lunedì 21 dicembre 2020

Ritratto dell'uomo infelice
Ritratto dell'uomo infelice

L’uomo infelice si sveglia ogni mattina sempre alla stessa ora. Non è lui a deciderlo, è l’azienda per cui lavora ad averglielo imposto. Fa colazione mentre con il dito liscia dal basso verso l’alto  lo schermo del telefono, neanche fosse un peluche da accarezzare. 

Legge notizie che provengono da ogni parte del mondo, come se per lui facesse una qualche differenza sapere se le borse sono in rialzo, in Siberia brucia tutto o gli Stati Uniti hanno un nuovo presidente. Ma è materiale buono per le discussioni effimere che intratterrà con i colleghi, in pausa caffè, come se la sua opinione contasse qualcosa.

Perché me ne sbatto di tutto?

lunedì 14 dicembre 2020

Perchè me ne sbatto di tutto?
Perchè me ne sbatto di tutto?

Il momento in cui, nella mia via, tutto è cambiato, ha fatalmente coinciso con l’istante nel quale ho scelto di sbattermene di tutto e tutti. Ho deciso che l’insieme delle idee e le opinioni delle persone che mi circondavano, cioè principalmente dei colleghi e dei conoscenti, da quel momento in poi avrebbe avuto valore zero.

E così è stato, ed è ancora tutt’oggi a distanza di quasi 10 anni dal grande passo, ovvero da quanto ho scelto di vivere senza lavorare. Non si può fare, dicevano, finirai in rovina, tutti devono lavorare, non è che adesso arrivi tu e ti inventi l’impossibile. E invece... 

Ci Portano via Tutto

lunedì 7 settembre 2020

Ci Portano via Tutto
Ci Portano via Tutto

Vi siete mai chiesti perchè le persone non impazziscono all’idea di dover lavorare per sempre? Voglio dire, tutti dovremmo cadere in una profonda crisi al solo pensiero che butteremo al vento la vita chiusi in una fabbrica o in un ufficio.

Beh questo non accade per due motivi, il primo è che non ragioniamo ad orizzonti temporali così estesi, al massimo arriviamo a pensare a ciò che faremo il prossimo weekend. Il secondo, ben più importante, è che il sistema velatamente ci fa credere che non sarà sempre così.

Quando non sai Diventi Gentile

lunedì 10 agosto 2020

Aggiungi didascalia
La perdita di gentilezza è una caratteristica molto ricorrente negli individui moderni, che appaiono ormai prevalentemente egocentrici. Questo atteggiamento ci rende sostanzialmente cattivi, visto che ognuno pensa solo a se stesso, a come manipolare l’altro, possedere sempre di più e schiacciare chi si mette sulla sua strada.

I motivi di questa tendenza diffusa, che tutti constatiamo quotidianamente, sono molteplici. Ciò che ci interessa maggiormente però sono le conseguenze a cui questo atteggiamento ci porta, conseguenze che, una volta individuate, certamente preferiremo evitare.

La Soluzione è Semplice

lunedì 13 luglio 2020

La Soluzione è Semplice
La Soluzione è Semplice
L’uomo obbedisce alle leggi capitalistiche con una sudditanza raccapricciante. Si beve tutto quello che gli raccontano, sceglie ciò che gli suggeriscono e per questo vive una vita inutile, cioè quella che sistema vuole che viva. Come stupirsi dunque di essere infelici?

C’è una soluzione molto semplice a questo problema che si attua attraverso un piccolo cambiamento di mentalità, ovvero comprendendo che nella formula della felicità quasi tutte le variabili hanno il segno meno.

Felici di essere tristi

lunedì 22 giugno 2020

Felici di essere tristi
Felici di essere tristi

Quando non sai dare un significato ai sentimenti che provi, soprattutto se sono in contrasto con quello che la società ti spinge a credere buono, finisci per sentirti strano, diverso, persino sbagliato. Eppure non c’è niente di più sbagliato che reprimere un sentimento, anche se questo va contro il senso comune e di esso ce ne vergogniamo. Ad esempio va bene essere felice di provare tristezza? 

Beh, secondo quanto impariamo vivendo nel sistema, no. La tristezza è uno stato d’animo che va allontanato perché rappresenta l’opposto della felicità. Eppure qualcuno, come il sottoscritto, si sente perfettamente a proprio agio nella tristezza, e un motivo c’è.

È Severamente Vietato Sognare

lunedì 15 giugno 2020

È Severamente Vietato Sognare
È Severamente Vietato Sognare
Vi siete mai chiesti per quale motivo la maggior parte delle persone non riesce a realizzare i propri sogni? Per mancanza di intraprendenza, capacità e costanza oppure c’è anche qualcos'altro? Non è strano che esista una massa così enorme che sostanzialmente vive senza mai concretizzare i sogni che ha sempre segretamente coltivato?

In questo articolo scopriremo insieme uno dei più grandi paradossi della società in cui viviamo, ovvero che il nostro sistema esiste soltanto fintantoché le persone vengono incentivate alla rinuncia dei propri sogni.

Oggi vi chiedo scusa

lunedì 25 maggio 2020

Oggi vi chiedo scusa
Ogni tanto, quando leggo pezzi di altri o ascolto registrazioni di chi come me parla di cambiamento, mi chiedo: Ma sono anch'io così arrogante? Me lo chiedo perché spesso mi sembra di percepire, tra le righe di chi descrive le masse e i suoi comportamenti, una sorta di volontà di apparire superiore. Giocare a quello che ha capito tutto e gli altri sono solo dei poveri deficienti.

Eppure so bene, almeno a livello teorico, che quello che pensa di aver capito tutto, di avere una soluzione per tutto e che critica tutto, di fatto è il più ignorante di tutti. Beh, io non voglio essere così, e nemmeno apparire così, per questo vi chiedo scusa.

Adesso Siamo più Liberi

lunedì 13 aprile 2020

Adesso Siamo più Liberi
Adesso Siamo più Liberi

Chiusi in casa, possiamo uscire solo per lo stretto necessario, ci sentiamo in trappola, privati dei nostri diritti e qualcuno è già pronto alla rivoluzione. In verità in questo particolare momento siamo più liberi di quanto lo fossimo in precedenza e il fatto che non riusciamo a capirlo né è la dimostrazione.

Come è possibile essere più liberi di prima se ci viene impedito di muoverci dalla nostra abitazione? Beh ma semplicemente perché la libertà non è ciò che abbiamo sempre pensato sia.

La Gentilezza è una Moneta Straordinaria

lunedì 16 dicembre 2019

La Gentilezza è una Moneta Straordinaria
La Gentilezza è una Moneta Straordinaria

In questi anni, attraverso centinaia di articoli e video, ho cercato di evidenziare molti aspetti della nostra esistenza che spesso ci sfuggono e continuerò a farlo ancora per molto tempo, probabilmente fino alla fine dei miei giorni. Da qualche tempo a questa parte la mia vita è sostanzialmente questo: comunicare.

E comunicare non è solo uno dei pochi modi di guadagnarsi da vivere che permette un elevatissimo grado di libertà (in questo momento sto scrivendo da casa mia, alle Canarie), ma soprattutto l’unico che concede, a chi si avvale di questo strumento, l’opportunità di aiutare gli altri. 

Il Mese della Tristezza

lunedì 9 dicembre 2019

il mese della tristezza
il mese della tristezza

È iniziato più o meno da una settimana il mese della tristezza. Dicembre è probabilmente il periodo dell’anno che meglio rappresenta (in senso negativo) la nostra società. Inizia subito dopo la pazzia del Black Friday e del Cyber Monday, due momenti in cui tutti intasano i negozi acquistando solo per il gusto di acquistare.

È l’espressione più raccapricciante del consumismo moderno: comprare solo perché costa meno, spinti dal bisogno di spendere per sentirsi almeno un po’ felici o timorosi di perdere chissà quale occasione.

Chi vende, chi confeziona le pubblicità e muove il mercato sa bene quanto siamo fragili e sa come fare leva sulla nostra debole psiche.