Come SFRUTTARE il Servizio civile AGRICOLO

Servizio civile AGRICOLO

Dopo cinquant'anni il Governo ha nuovamente deciso di lanciare il servizio civile agricolo, ovvero dare la possibilità ad un certo numero di giovani di formarsi nel campo dell’agricoltura e acquisire competenze utili alla futura carriera in quell'ambito.

In questo articolo voglio cercare di spiegare come funzionerà questo meccanismo e dare alcuni consigli per sfruttare al massimo questa opportunità perché, come in tutti gli ambiti, adottare il giusto approccio può fare davvero la differenza.

Come SFRUTTARE il Servizio civile AGRICOLO

Anche se la cifra messa in campo non è enorme (7 milioni di euro), l’iniziativa è decisamente lodevole perchè permetterà a 1000 giovani tra i 18 e i 28 anni di fare esperienza nel mondo dell’agricoltura e ottenere una qualifica ufficialmente riconosciuta, che andrà a migliorare il loro curriculum. Se sei intenzionato a cogliere questa opportunità, allora tieni d’occhio il sito del “Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale” dove nei prossimi mesi verrà presentato il bando di partecipazione. In esso troverai tutte le istruzioni per aderire al progetto, compresi gli argomenti da studiare per affrontare la selezione. 

Anche se non ci sono ancora dettagli precisi in merito, generalmente le cose funzionano così: una serie di attori (in questo caso possiamo immaginare società agricole o enti che operano in quel settore) richiederanno la possibilità di “assumere” uno o più giovani sfruttando il meccanismo del servizio civile agricolo. Per loro è un vantaggio, perché hanno sostanzialmente forza lavoro gratis e talvolta ricevono un incentivo economico. Starà a te spulciare la lista degli aderenti e scegliere dove inoltrare la domanda in base all’attività che svolgono, le opportunità che credi ti possono dare, la vicinanza a casa e altri fattori che sono assolutamente soggettivi. L’ente ovviamente selezionerà i vari candidati in base all’età, il titolo di studio e un colloquio orale. I progetti previsti riguardano l’agricoltura sociale, la promozione dei corretti stili di vita alimentari, la riduzione dello spreco di alimenti, la conoscenza della cultura contadina e la tutela dei prodotti agroalimentari italiani.

Generalmente ai giovani che aderiscono al servizio civile (quindi si presume anche quello agricolo) viene dato un piccolo compenso mensile dell’ordine dei 500€ che serve per rendere sostenibile il loro impegno. Dunque, se intendi aderire a questo progetto ecco alcuni consigli da chi, come il sottoscritto, molti anni fa ha fatto il servizio civile.

Studia: I posti sono estremamente limitati e per questo probabilmente ci sarà grande concorrenza. Leggi bene il bando e soprattutto gli argomenti che devi conoscere per preparati al colloquio. Informati anche sull’attività svolta dalla società che hai scelto, per capire in quale ambito opera e quindi concentrarti principalmente sugli argomenti che la riguardano. I bandi sono spesso generici, ma ogni società è specializzata in una precisa nicchia, che sarà quella su cui probabilmente verteranno le domande del colloquio. 

Lettera di presentazione: Oltre alla compilazione delle scartoffie che l’ente richiede obbligatoriamente, scrivi una lettera di presentazione dove spieghi molto bene quali sono le motivazioni per cui vuoi aderire proprio a quel progetto. Un “datore di lavoro” preferisce sempre scegliere persone motivate che non fanno “tanto per fare”, ma mosse da intenti precisi e che hanno in testa obiettivi chiari. Questo ti farà apparire determinato, maturo e ti darà un vantaggio competitivo rispetto a tutti gli altri candidati.

Essere proattivo: Se ti aspetti che sia l’ente a coinvolgerti in attività utili e interessanti stai fresco, perchè molto spesso (soprattutto per le aziende) il servizio civile è solo un modo di avere manovalanza gratis. Devi essere tu a sfruttare al massimo questa opportunità, rendendoti utile, facendo domande, mantenendo un atteggiamento positivo, proponendoti e cercando di imparare il più possibile. Ricordati che entrerai in un mondo che ha le sue regole e che funziona già con o senza di te, per cui sii umile e non aspettare che siano gli altri a prenderti per mano, datti da fare.

Attendendo l’uscita del bando (che non mancherò di segnarti sui miei social appena sarà disponibile) ci tengo a sottolineare che il mondo dell’agricoltura è uno dei pochi settori che non conosce crisi, come la pandemia ha dimostrato, ed è quindi un'ottima idea formarsi in quel campo, soprattutto in un momento storico in cui molti lavori inutili iniziano a scomparire per via dell’avvento dell’intelligenza artificiale.

Nessun commento:

Posta un commento

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.