Casa calda senza riscaldamento

Casa calda senza riscaldamento
Casa calda senza riscaldamento

Oggi abbiamo a disposizione diverse tecnologie innovative per riscaldare casa spendendo poco o nulla, il problema è che spesso rimangono sconosciute ai più e quindi ci si affida ai metodi tradizionali, come le classiche caldaie a gas.

Esistono però metodi complementari, come la geotermia di cui ho già parlato, ma oggi vi racconterò come funzionano i pannelli solari ad aria calda, un’idea incredibilmente semplice, ma che può fare veramente la differenza per integrare il riscaldamento della propria abitazione durante l’inverno. Vediamo di cosa si tratta.



Casa calda senza riscaldamento

I pannelli ad aria calda sono accumulatori di calore che possono essere posizionati su tetti, poggioli e persino incastonati nei muri perimetrali della propria abitazione. Potendo installarli persino sui davanzali delle finestre ed essendo rimovibili, sono utilizzabili anche da chi vive in un condominio, perché non si configurano come componenti architettonici. L’articolo 1122 bis del codice civile lo permette, l'importante è che non si alteri il decoro architettonico del condominio.

I pannelli ad aria calda (quelli di tipo attivo più sofisticati) hanno una piccola ventola alimentata da un moduletto fotovoltaico (tipicamente 12V) che aspira l’aria fredda dall’interno della nostra abitazione e la fa passare in un particolare circuito di tubi che sta dentro una sorta di "serra riscaldata" dal sole. I tubi compiono un percorso arzigogolato in modo tale da dare all’aria il tempo di riscaldarsi prima di essere ri-immessa in casa. Il tutto ha le dimensioni di una grossa scatola più o meno grande come una finestra e dallo spessore di una ventina di centimetri che, come spiegavo poc'anzi, altro non è che una serra che accumula calore solare. 


E ovvio che questo sistema funziona solo di giorno e solo quando c’è il sole, ma se la casa è ben isolata, grazie ad esempio ad un cappotto termico, il calore immagazzinato dai muri viene lentamente rilasciato durante tutta la notte, contribuendo ad innalzare la temperatura interna.

Questo sistema quindi può sostituire totalmente il riscaldamento di stampo classico a quelle latitudini dove gli inverni non sono particolarmente freddi, mentre può contribuire ad abbattere le bollette anche di un 50% dove non è possibile privarsi della classica caldaia a GAS. Un vantaggio aggiuntivo è quello di garantire un costante ricambio d’aria tra l’abitazione e l’esterno, ma senza raffreddare gli interni, meccanismo che aiuta ad evitare il formarsi di muffe, deumidificando e rendendo più salubre l’ambiente.

Esistono ditte specializzate che offrono soluzioni chiavi in mano per l’installazione di questa tipologia di pannelli, la cui spesa può rientrare all’interno dell’ecobonus 65%, cioè le agevolazione fiscale per lavori di riqualificazione energetica su un immobile. Tuttavia, se si è dotati di una certa manualità e si vuole risparmiare, può essere interessante sapere che molte persone oggi optano per il fai da te, anche perché questi sistemi sono incredibilmente semplici da realizzare. E chiaro che una ditta specializzata fornirà un sistema ad alte prestazioni e che quando ci si arrangia si possono commettere numerosi errori, ad ogni modo vi lascio questo video dove viene spiegato come auto-costruirsi oggetti di questo tipo con materiali di recupero, quindi senza spendere cifre importanti.

Personalmente, come probabilmente molti di voi sapranno io riscaldo già da tempo l’acqua dei sanitari con il solare termico, oltre ad avere i pannelli fotovoltaici per integrare il consumo elettrico e la legna da ardere per l’inverno, ma ho intenzione di autocostruirmi uno di questi pannelli per tentare di innalzare la temperatura dei miei ambienti durante le stagioni fredde. Vi terrò certamente aggiornati su costi e prestazioni.

Nessun commento:

Posta un commento

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.