Siamo la Più Grande Community di Semplicità Volontaria

Semplicità Volontaria
siamo 1 milione ogni mese

Inizia il nuovo anno e le prospettive per la nostra community sono più che rosee. L’impegno costante e il grande supporto che tutti avete dimostrato, ci ha portati ad essere oggi la più grande community di semplicità volontaria d’Italia

Naturalmente non sono io a dirvelo, ma i nostri numeri: tra il canale Youtube, il blog smetteredilavorare.it e la pagina Facebook oggi un milione di persone ogni mese approda su questi lidi, il che ci da sempre più speranza che la filosofia della semplicità volontaria si diffonda a macchia d'olio e aiuti tante persone a cambiare vita.


La Più Grande Community di Semplicità Volontaria

Siamo il più folto e attivo gruppo di persone che credono e diffondono i valori della decrescita e della libertà. Un milione è un numero enorme, fino a poco tempo fa addirittura impensabile. È una cifra che spazza via ogni dubbio e ci rivela qualcosa di importante: questo cambiamento è un desiderio segretamente coltivato da centinaia di migliaia di persone, dormienti, forse intimorite dall'idea che una scelta di questo tipo non sia possibile. Probabilmente avevamo solo bisogno di un catalizzatore, qualcosa che le facesse sentire meno pazze e meno sole.

Quando il primo volto è uscito allo scoperto, molti hanno trovato il coraggio di unirsi e far sentire la propria voce e se oggi riceviamo almeno 100 messaggi al giorno è perché siamo tanti e siamo veri, in carne e ossa. Il nostro non è un sogno, non si tratta di idee campate per aria, le testimonianze confermano quello che abbiamo sempre sostenuto: i modi ci sono e le possibilità sono pressoché infinite, basta volerlo.

Per questo motivo devo ringraziarvi tutti, perché è solo grazie alla fiducia che ogni giorno riponete in quello che scrivo e dico se oggi siamo diventati così grandi. Prima abbiamo desiderato il cambiamento, poi, un po’ alla volta siamo concretamente cambiati, perché le idee diventano realtà se ci crediamo veramente. Anche se spesso scrivete per ringraziarmi, in realtà sono io che devo dire grazie a voi. Senza il vostro sostegno non mi sarei mai liberato e se molti altri oggi riescono a farlo è perché voi ci siete, sempre. Siamo così tanti che chiunque arrivi qui si sente subito a casa, meno impaurito e meno strano. Qui si trova il coraggio di far maturare le proprie idee grazie al sostegno di uno straordinario gruppo di persone.

In merito a questo concetto ci sono due aspetti da sottolineare. Prima di tutto io non sono un leader e nemmeno il portavoce della semplicità volontaria. Se dicessi che sono stato il primo in Italia direi balle, prima di me ci sono state centinaia di persone che sono cambiate silenziosamente, per pura esigenza, senza nemmeno sapere che questo cambiamento avesse un nome. Se affermassi questo andrei contro il primo (e forse l’unico) vero fondamento della semplicità volontaria, ovvero che siamo tutti uguali, che nessuno è migliore, nessuno è più bravo o merita di più, perché ognuno è meravigliosamente diverso e unico modo suo. Questa è la rivoluzione individuale che ognuno attua come meglio crede, io porto esempi, non dogmi, non regole e per questo non sono, non voglio e non sarò mai un leader. Diffidate di chiunque voglia essere considerato leader, chi vuole primeggiare. Chi parla solo di sé lo fa per mettersi in mostra, e per questo non farà mai il bene degli altri, ma solo il suo.

In secondo luogo questa enorme crescita ci carica di una grande responsabilità, ovvero essere un porto sicuro nel mare d’odio che pervade i social network. Anche se spesso sul web le dinamiche sono quelle del dissing tra blog o canali, risposte, contro articoli o reaction, qui non si sta giocando. Abbiamo creato la più grande community di semplicità volontaria in Italia e usiamo il web solo come strumento per diffondere il nostro pensiero, tutte le altre dinamiche non ci interessano. Questo posto è la nostra casa e sarà la casa di chi si unirà a noi nei giorni, settimane e mesi a venire. Dobbiamo impegnarci tutti affinché questo sia un luogo di pace e armonia, deponiamo le armi e cerchiamo di fare di tutto per essere uniti e volerci bene, altrimenti il potere avrà sempre la meglio su di noi. 

la più grande community


In questo nuovo anno stileremo il manifesto della semplicità volontaria e lo diffonderemo con tutti i mezzi che abbiamo a disposizione, in modo che i valori che ci stanno a cuore siano messi nero su bianco e che ne venga ben spiegata l’efficacia e la forza. Non saranno dei comandamenti, non siamo una setta, né una religione, solo l'insieme dei modi che abbiamo trovato per essere più felici, quelli che riteniamo buoni e che ci hanno aiutato. Lo faremo insieme e ognuno potrà contribuire con la propria esperienza e il proprio pensiero. Ogni contributo verrà riconosciuto (se vorrete) oppure resterà anonimo (se preferite). Ognuno di noi avrà pieno potere decisionale. Se siamo la community più grande e stiliamo insieme il manifesto della semplicità volontaria, allora abbiamo buone possibilità di creare qualcosa che ci rappresenti tutti e che possa essere la lanterna che rischiara la via a chi brancola nel buio in cerca d'aiuto.

Cercheremo di creare una sinergia con le realtà di decrescita e semplicità volontaria già esistenti, per fare gruppo ed essere più forti. Ci uniremo con le persone e i gruppi di persone giusti, quelli che non fanno business, non vogliono vendere, vogliono solo aiutare gli altri. Li sceglieremo con cura. Ricordiamoci sempre che facciamo tutto questo per aiutare tante persone ad essere felici in un mondo dove tutto rema nella direzione opposta.

Infine troveremo nuovi modi per aggregarci e per permettere a tutti di far sentire la propria voce.

L’avventura dunque continua e ciò che faremo diventerà sempre più importante. Io sono qui per tenere fede agli impegni, e mi auguro di continuare ad avere il supporto che mi avete sempre dimostrato. Se siete dei nostri condividete subito questo messaggio su tutti i vostri social con l'hashtag #smetteredilavorare, così da incominciare a diffondere la notizia del nostro nuovo grande progetto. Vi voglio bene e vi ringrazio dal profondo del mio cuore.

14 commenti:

  1. Congratulazioni! Auspico la nascita di una coscienza collettiva sufficiente a rendere inutile uno strumento di manipolazione di massa che fino ad ora ha sempre avuto la meglio. Serve una nuova luce. Auguri a tutti i risvegliati.

    RispondiElimina
  2. Sono molto contenta perché diffondo è cerco di camminare cn questa coscienza! Auguri e grazie a tutti

    RispondiElimina
  3. Ciao Francesco, se ti serve qualcosa e posso aiutarti contattami pure attraverso il blog.

    RispondiElimina
  4. E` una notzia fantastica!
    Grazie Francesco

    RispondiElimina
  5. felice di essere in quel "milione" .... grazie anche a te!

    RispondiElimina
  6. Buon anno a tutti i consapevoli, come ha scritto Francesco non siamo i primi, da più di un decennio si parla di decrescita felice

    http://www.decrescitafelice.it/en/il-manifesto-dellunisf/

    RispondiElimina
  7. Complimenti Francesco per il tuo blog, ti seguo spesso è da quando lo leggo provo pian piano a prenderlo a modello. Per ora non riesco a smettere di lavorare per motivi logistici, in futuro chissà

    RispondiElimina
  8. Ottimo risultato! Io stesso ho scoperto il tuo blog giusto un anno fa (per puro caso era il gennaio 2018) e da allora ho letto molti tuoi articoli e commentato spesso.
    Se siamo così numerosi un motivo ci sarà: adesso lavoro sodo per un futuro (non troppo remoto) simile al tuo, spero tanto di riuscirci.

    RispondiElimina
  9. Buonasera, sono contento che la sua opinione prenda piede: non posso dirne di farne parte, visto che ho lavorato 44 anni, ma almeno ho visto una modalità di pensiero diversa da quelle con cui sono cresciuto e mi hanno aperto una nuova filosofia.
    Tiziano

    RispondiElimina
  10. Credo che per volontà o meno sempre più persone dovranno abbracciare uno stile di vita più minimale, visto come stanno andando le cose nel mondo. Stiamo vivendo una crisi economica di proporzioni quasi apocalittiche, il paradigma corrente ha i mesi contati spero, e il sistema capitalista neo liberista sta lentamente collassando su se stesso. Questo porterà sempre più povertà materiale, che è un'ottima occasione per rivedere i propri veri bisogni e uscire dal tunnel del consumismo selvaggio a favore di una vita molto più lenta, umana, consapevole, semplice e felice.
    La prima cosa da fare comunque è prendere coscienza che un lavoro non fatto per piacere e con amore è solo schiavitù, e smettere di avere paura del futuro occupandosi del presente buttando via la TV e ricominciando a coltivare se stessi anziché bersi tutte le balle che il sistema propina e che noi continuiamo ad alimentare con le nostre paranoie.

    LA VITA E' QUI ORA, GODETEVELA!!

    Anna

    RispondiElimina
  11. Sono con te. Francesco sei un grande esempio.

    RispondiElimina
  12. Salve, sono Silvia, mi ritrovo molto in quello che esprimi nei tuoi video, molto interessanti e veritiero. Uno in particolare mi ha colpito, quello sulla pigrizia: dovevo rigovernare la cucina, il lavello con i piatti da lavare e non mi andava proprio, però mi sono sintonizzata sul tuo canale e mi sono ascoltata tutti i video mentre pulivo e devo dirti che è proprio vero, la felicità che ho provato per aver portato a termine una cosa che non mi andava di fare è stata superiore a quella che avrei provato a non fare. metterò in pratica anche gli altri consigli, perché li trovo veritieri. GRAZIE.

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.