Come Avere una Rendita Mensile Costante

guadagno costante senza lavorare
rendita fissa mensile
Una rendita mensile è quello che ci serve per riuscire a vivere senza lavorare, per questo motivo chiedersi dove investire per avere un’entrata in denaro fissa ogni mese è la strada giusta per capire come vivere di rendita.

Diciamocelo chiaro e senza tanti giri di parole: ognuno di noi vorrebbe avere una rendita fissa per stare tranquillo e dedicarsi solo a quello che gli piace e, perché no, passare anche intere giornate ad oziare senza fare nulla e senza preoccupazioni, ma abbiamo le idee chiare su quello che possiamo fare e cosa aspettarci? In quest’ articolo racconterò le strategie che applico per vivere senza lavorare.


Guadagnare senza fare nulla


Ogni mattina mi sveglio presto e la prima cosa che faccio è controllare come sono andati gli incassi della giornata precedente; non lo faccio per avidità, anche perché guadagno molto poco, sì, lo so, ci sono stati periodi in cui ho guadagnato bene, non lo nego, ma è stato un caso, un momento di grande fama in cui tutti parlavano di me, ma ora, mediamente, incasso poco. Naturalmente potrei vendermi, ma se posso essere sincero mi fanno sospirare quelli che parlano di decrescita e valori semplici, e poi vanno in TV per vendere più copie, ottenere fama, fare soldi e nutrire il proprio ego… o c’è un altro nobile motivo che mi sfugge per il quale si va in televisione a parlare di se?

Dicevo che l’aspetto interessante dei miei pochi guadagni è che si tratta di una rendita costante che arriva senza fare nulla d’impegnativo, perché si basa su un concetto fondamentale che adesso avrò cura di spiegare, anche se un po’ m’infastidisce farlo, perché mi sembra di fare quelle supercazzole di crescita personale, tipiche di chi poi non da mai esempi pratici, ma tant'è.

Il lavoro, così come ce l’hanno insegnato, è una gran fregatura. La stragrande maggioranza delle persone viene pagata per il numero di ore che fa, ma viene pagata molto poco, e quando smette non incassa più nulla, per questo deve continuare a lavorare per "sempre" e sperare che non gli tolgano la pensione. Tutto normale no? Si lavora e si guadagna, ma il problema di questo meccanismo sta nel fatto che invece di vivere passiamo il tempo a lavorare, e la vita vale di più di otto euro all’ora che ti danno se friggi patatine al McDonald's

Per fortuna c’è un modo più furbo di agire, cioè fare in modo che una o due ore del nostro lavoro valgano come 8, e questa è proprio la strada giusta per costruire una rendita mensile costante. Tranquilli, non continuerò a parlare in modo astratto, inizio subito a fare degli esempi concreti presi dalla mia esperienza e altri che attuano alcuni miei amici e colleghi "fannulloni", ma prima abbiate un secondo di pazienza e ascoltate attentamente: per avere una rendita fissa abbiamo due possibilità.

  1. Lavorare molto duramente per un certo periodo, investire nel modo giusto, e poi mettersi a riposo.
  2. Creare qualcosa di grande valore che una volta avviato "pedali da solo".

Non dirò che queste opzioni sono semplici da mettere in pratica, non lo sono, e non sono nemmeno in molti a riuscire veramente ad avere una rendita costante senza fare nulla, ma il primo passo è quello di chiarire alcuni concetti, altrimenti abbiamo pochissime possibilità di essere tra quegli audaci ribelli che vivranno veramente la vita senza lavorare 9/10 ore al giorno.

1) Lavorare, risparmiare e investire


Da qualche parte i soldi li dobbiamo prendere, a meno che non ci piovano dal cielo per una vincita o da un’eredità, per attuare questa strategia è necessario lavorare per un po’ di tempo. Ho lavorato per circa vent’anni, ho vissuto con 500 Euro al Mese per tanto tempo (tuttora vivo con così poco, talvolta anche meno) e ho risparmiato moltissimi soldi che mi sono serviti per costruire la casa in cui vivo e comprare un piccolissimo appartamento all’estero. Se guadagnassimo 1400 euro al mese (lo stipendio medio da dati ISTAT) e vivessimo con 500 euro mese, in 10 anni avremmo messo da parte quasi 120.000 euro. Se la nostra compagna facesse lo stesso, potremmo accumulare fino a 250.000 euro.

Alcune idee per ottenere una rendita fissa da questo gruzzolo sono: Acquistando Titoli di Stato (BTP) a 50 anni, che sono quanto di più sicuro si possa avere oggi in materia d’investimento finanziario, si può avere un "guadagno fisso" praticamente per sempre. Per capirci, il rendimento dell’ultima emissione è del 2,80% netto annuo, per cui si tratta di avere un’entrata costante di 7000 euro l’anno, cioè circa 600 euro al mese. Non è molto, ma è come avere uno stipendio da lavoro part time e al termine del 50 anni riavremo indietro tutti i soldi. In passato i rendimenti sono stati decisamente più elevati, per cui teniamo sempre d’occhio i risultati delle aste sul Sito del Ministero del Tesoro le cose sono un po’ più complesse di quando ho riassunto qui, ma per questo ho scritto Come Investire in Titoli di Stato per Guadagnare.

Un'altra idea per far fruttare questo denaro e avere una rendita costante è comprare uno o più appartamenti all’estero, ad esempio alle isole Canarie, dove io stesso ho preso casa. Anche per questa strategia di rendita ho scritto l’articolo Quanto Rende Investire alle Canarie ma qui vi basti sapere che con circa 200.000 euro si può acquistare una villa con piscina privata che rende circa 17.000 euro l’anno.
Se invece vogliamo restare in Italia una possibilità concreata e che rende bene è Acquistare un Appartamento alle Aste Immobiliari dove possiamo trovare case ad un prezzo inferiore anche del 30% rispetto al suo valore di mercato, per poi affittare a studenti, i quali hanno bisogno solo di una stanza, e possono usare cucina e bagno in comune, per cui si ottiene il massimo incasso sfruttando al meglio la metratura e senza problemi di insolvenza, visto che i contratti agli studenti sono annuali.

Queste sono tre idee concrete e realizzabili per avere una rendita mensile costante senza fare niente, ora proseguiamo e vediamo cos’altro si può fare.



2) Creare qualcosa di valore


L’opposto di lavorare sempre è creare qualcosa che lavori per noi. Questa è la tecnica che ho applicato, perché "Smettere di lavorare", questo blog, viene letto da mezzo milione di persone ogni mese, e mentre sono in montagna o con la tavola sulle onde dell’oceano, vi è un flusso costante di persone che leggono i miei articoli e quindi mi fanno guadagnare. Materialmente non faccio nulla, anzi la maggior parte del tempo la passo ad autoprodurre ciò che mi serve per vivere, tagliare la legna o curare l’orto, perché per il blog scrivo circa 1 ora al giorno, ma ogni minuto che passa guadagno. La stessa cosa vale per Youtube, pubblico un video ogni due settimane e attualmente guadagno circa 100 euro al mese; non è molto, ma cento euro qua e cento là alla fine si porta a casa la pagnotta, e poi piano piano si guadagnerà qualcosina in più perché Youtube è in grande crescita. Anche con i libri ho un guadagno costante, non molto, ma siccome non scrivo romanzi, ma manuali per cambiare vita, più libri scrivo più questo guadagno cresce perché quando esce un nuovo libro acquisto nuovi lettori che magari ordinano anche i libri vecchi, che sono sempre validi.

Questi sono tre esempi di come si crea valore, se volete sapere nel dettaglio come si fa a diventare blogger, youtuber, scrittori e avere un guadagno costante, vi lascio questi tre approfonditi articoli che lo spiegano per filo e per segno.
Prendiamo le nostre conoscenze e cerchiamo di creare qualcosa che abbia un valore costante nel tempo, cioè cerchiamo di dare vita ad un prodotto che una volta confezionato possa essere rivenduto o che abbia un valore tale da generare continui incassi. Ognuno di noi deve dare fondo alle proprie capacità e chiedersi cosa potrebbe creare di valido e appetibile, che possa interessare al più alto numero di persone possibile, in modo da fare lo sforzo una sola volta e poi non dover far più nulla, continuando però ad avere una rendita mensile.
Un’alternativa può essere quella di diventare i migliori in assoluto nel proprio campo, in modo da poter vendere molto care le proprie competenze; in questo modo potremmo lavorare poco e farci pagare molto bene proprio perché siamo gli unici a fare le cose in un certo modo, ci siamo creati una valida reputazione e possiamo dare garanzie di qualità che altri non danno.

Conclusioni


Come abbiamo visto per ottenere una rendita mensile fissa occorre darsi da fare concretamente, racimolare del denaro da mettere a rendita e/o dare valore alle nostre competenze, creando qualcosa di grande valore che "lavori" per noi. A prescindere da tutto questo però la questione di fondo è che la rendita difficilmente sarà particolarmente sostanziosa: se guadagno poco io che faccio numeri di un discreto livello, significa che questa strada è buona per chi saprà accontentarsi. Se siamo intenzionati a vivere facendo solo ciò che ci piace, percependo un piccolo guadagno, diventa necessario imparare a vivere con poco.

Ma vivere con poco non è un problema, basta rinunciare a tutto ciò che non ci serve veramente, cioè la stragrande maggioranza di quello che possediamo e desideriamo. Si potrebbe pensare che "una vita al minimo" sia noiosa, ma dobbiamo renderci conto che anche il modo in cui viviamo ora è altrettanto noioso visto che non facciamo altro che lavorare tutto il giorno. Chiediamoci sinceramente se preferiamo vivere liberi facendo ogni giorno piccole rinunce e accontentandoci di una piccola rendita fissa, oppure se preferiamo poterci concedere più sfizi, ma votare la nostra intera vita al continuo e logorante lavorare.

smetteredilavorare.it

16 commenti:

  1. Molto interessante lo scritto appena finito di leggere, devo però fare un distinguo tra vivere con poco e vivere per poco....

    A parte le necessità personali (che sono comunque stimoli anch'essi ad agire nella vita) non si può vivere con pochissimo , perché le tasse, e tra queste ci sono varie voci da cui non tutti si possono distaccare, almeno non immediatamente, non possono essere diminuite a meno di non entrare a far parte degli evasori....

    Evitare di spendere per il non necessario (anche se come ho detto prima anche il superfluo aiuta a volte a vivere ) è fattibile, purtroppo lo Stato italiano ci mette la coda, le corna e pure la mafia.... Insomma: utili consigli che comunque rimangono tali, anche se interessanti (non per tutti ovviamente ... come per tutto) .

    RispondiElimina
  2. dato che il prezzo è sotto cento, il rendimento btp a 50 anni, ad oggi è pari a 3,32% annuo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lordi o netti?

      Elimina
    2. Quotazione 85,20€
      Cedola annuale 2.80%
      Rendimento annuo 3.05% netto

      Elimina
    3. http://www.rendimentibtp.it/

      Elimina
  3. Idee concrete e semplici. Sei andato al nocciolo della questione senza fare degli improbabili voli pindarici con proposte assurde come, purtroppo, si leggono da altre parti.
    Alcuni commenti. Sull'immobiliare in Italia, a parte il risparmio acquistando alle aste (cosa che non ho mai provato a fare, onestamente), non si ha un grosso guadagno affittando l'immobile (sperando pure che l'inquilino non crei dei problemi): la tassazione, cedolare secca o meno, è abbastanza alta.
    Per i libri, a parte la difficoltà nel trovare un editore disponibile, vale quanto hai detto: pubblicando "romanzi" ed avendo una buona campagna pubblicitaria (e hai detto niente!) probabilmente si potrebbe avere un buon ritorno. Io, assieme ad un mio collega di lavoro, ho scritto diversi libri di matematica, in particolare sulla teoria dei numeri: essendo un argomento molto di nicchia, i diritti d'autore sono abbastanza risicati.

    RispondiElimina
  4. Leggo spesso gli articoli del tuo blog. L'approccio è sempre molto interessante e anche a me piacerebbe vivere con un pò di rendita fissa.
    Ma mi pongo sempre una domanda...
    Penso che avrai anche tu un'auto e l'avrai comprata (non te la sei costruita) e ogni tanto la porterai dal meccanico o dall'elettrauto.
    Penso che per andare alle canarie prendi l'aereo...
    Usi la tavola da surf, il pc, la connessione a internet, scrivi libri che fai stampare...

    Morale della favola? Liberissima la scelta personale di vivere di rendita (piacerebbe anche a me) ma tutte quelle cose che ho elencato non potresti averle/usarle/usufruirne se non ci fossero dietro operai/impiegati/liberi professionisti che lavorano le loro 8/10 ore giornaliere.
    Concordi?

    RispondiElimina
  5. Bell'articolo che inneggia al "downshifting", però le tue idee stupende si scontrano quando entra in gioco la famiglia. Secondo te, come si fa a vivere in 3 o 4 persone con le somme che indichi tu? Il down shifting va bene, ma devi escludere la possibilità di avere dei figli....purtroppo.

    RispondiElimina
  6. Ciao Francesco, bell'articolo come sempre....
    Tuttavia mi ha sorpreso che i tuoi guadagni con questo blog non sono aumentati, pensavo che una volta avviata la barca ti avrebbe garantito guadagni buoni e stabili, perciò a questo punto mi chiedo se a volte hai paura che ciò di cui parla il tuo blog la decrescita e il risparmio non possano essere considerate mode passeggere dettate dalla crisi che potrebbero sfumare nel momento in cui si comincerà la ripresa?
    Per quel che mi riguarda il tuo blog è un appuntamento fisso a cui non intendo rinunciare....
    Buona vita

    RispondiElimina
  7. Ciao Francesco, complimenti per il tuo articolo, sei sempre uno stimolo! VAI AVANTI!

    RispondiElimina
  8. "Ma vivere con poco non è un problema, basta rinunciare a tutto ciò che non ci serve veramente, cioè la stragrande maggioranza di quello che possediamo e desideriamo."

    Si, ma non puoi generalizzare. Quello che è superfluo per te non è detto che lo sia per tutti.

    "Si potrebbe pensare che "una vita al minimo" sia noiosa, ma dobbiamo renderci conto che anche il modo in cui viviamo ora è altrettanto noioso visto che non facciamo altro che lavorare tutto il giorno."

    Anche qui, non è possibile generalizzare. C'è lavoro e lavoro. Un conto è sputare sangue in fabbrica o portare avanti un noiosissimo lavoro d'ufficio, altra cosa è, ad esempio, fare il ricercatore, il medico o l'insegnante... Mestieri, questi, che si scelgono innanzitutto per passione.

    Claudio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo che no si può generalizzare, ognugno declina quello che scrivo e dico nella sua realtà, non ho mica il verbo :)

      Elimina
  9. Ciao Francesco, dal sito del 24 ore:
    http://finanza-mercati.ilsole24ore.com/reddito-fisso-e-tassi/titoli-di-stato/btp/btp.php

    ho visto questo BTP:
    Btp-1ag17 5,25%
    ha un interesse del 5,25%. Ma non riesco a capire in quanto tempo. sembra ottimo

    RispondiElimina
  10. L'idea dell'acquisto di btp italia a 50 anni non è proprio il massimo per diversi motivi ...
    Prima di tutto perchè in una situazione come questa , di tassi al minimo storico, molto facilmente la quotazione di questi titoli potrebbe benissimo peggiorare all'aumentare dei tassi di interesse (nuovi btp con tassi + alti sarebbero molto + appetibili)
    Seconda cosa non si considera l'inflazione ... noi abbiamo un entrata (bassa) fissa x 50 anni che verrà erosa implacabilmente dall'inflazione - e di questo non si può non tenerne conto
    Terzo: dire che i btp italia sia l'investimento + sicuro che si possa avere , beh non è a parer mio molto corretto ! Un paese con un tasso di crescita tra i peggiori d'europa, con un debito enorme e in continuo aumento, con una classe politica incapace e prospettive future non proprio rosee .. pensare di prestare tutti i miei risparmi ad un soggetto del genere , beh ci penserei due volte !
    Inoltre bisognerebbe parlare delle clausole CACs e di come un paese possa (dal 2013) rinegoziare il proprio debito (a scapito dei risparmiatori chiaramente )

    RispondiElimina
  11. Riuscire a vivere con 500 eur al mese praticamente significa quanto meno rinunciare all'auto - (considerando tutti i suoi costi, manutenzione, ammortamento, assicurazione , carburante, bollo , gomme, etc , da sola incide per 300 eur al mese ! ) . Inoltre bisognerebbe già avere una casa di proprietà senza dover accendere un mutuo per acquistarla ... altrimenti bisognerebbe impiegare i risparmi messi da parte x comprarne una o decidere di andare in affitto (x mantenere i risparmi accumulati) ma così facendo di certo il budget dei 500 eur di spesa mensile non potrebbe essere rispettato ... e questa è la situazione che la maggior parte delle persone si trovano a dover affrontare !

    RispondiElimina
  12. Non scrivo che non ti faccio i soliti complimenti... perchè anche questo articolo li merita e quindi te li faccio.
    Tuttavia... nelle prime righe quando scrivi "Il lavoro, così come ce l’hanno insegnato, è una gran fregatura" secondo me (sono un dottore in psicologia del lavoro) dici una cosa giustissima e dai una spinta ad ampliare i propri orizzonti. Tutto OK!
    Però... ti sei reso conto che la tua carica motivazionale, il tuo invito agli investimenti, al lavorare mettendosi in proprio, al creare valore sottoforma di libri, ecc., sono tutti spunti bellissimi che però assomigliano molto ai consigli di quel "padre ricco" che tanto criticavi in un altro posto?
    Capiamoci: sono d'accordo con te che quel "Padre" da consigli alle volte superficiali e per giunta poco applicabili in Italia, ma l'aspetto motivazionale e l'invito a cambiare atteggiamento verso il lavoro e come si guadagna secondo me restano validi. Almeno validi quanto i tuoi consigli!!

    Non si può in un post ma nemmeno in un libro di 200 pagine dire tutto, spiegare tutto ed essere introduttivi ma approfonditi allo stesso tempo.1 Quel "Padre ricco" non è ma non vuole essere un manuale pratico applicativo e da degli spunti che non mi sento di criticare come hai fatto tu. Soprattutto perchè per lo stesso motivo si dovrebbero criticare alcuni degli spunti che offre il tuo blog e che invece sono validissimi!

    Vabbeh... credo che ci siamo capite e quindi ancora complimenti e vai avanti così che potresti scrivere "Zio ricco, zio povero" :-)

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.