Vivere con Poco Ma Guadagnare Tanto (come faccio)

spendere poco per vivere in modo sobrio
Il poco che serve per vivere
Dopo gli investimenti che hanno caratterizzato l'anno appena trascorso, ed in particolare l'acquisto dell'appartamento alle isole Canarie, ho ripreso a monitorare con estrema cura le mie spese, e anche nei primi tre mesi di quest'anno sono riuscito a vivere con poco.

In questo articolo vedremo insieme come faccio attualmente a campare spendendo cifre irrisorie attraverso una serie di risposte alle domande che mi vengono poste più frequentemente e che meritano una risposta completa e definitiva, poi, per la prima volta, mostrerò anche quando oggi guadagno.



Nelle puntate precedenti


Faccio un brevissimo quadro della situazione e un riassunto di quello che è capitato ormai qualche anno fa. Ho lavorato per circa 15 anni, ad un certo punto della mia vita ho capito che, nonostante fossi già un discreto risparmiatore, forse potevo vivere veramente con pochissimo perché mi è sorto il dubbio che la maggior parte del denaro che spendevo finisse in oggetti e servizi inutili. Per un anno ho vissuto nel modo più sobrio che potessi e al contempo ho realizzato alcuni interventi alla mia abitazione per essere energeticamente indipendente.

Ormai sono più di tre anni che vivo con circa 500 euro al mese, naturalmente si parla di media annua, per cui nei mesi più freddi siamo più vicini ai 600 mentre in quelli più caldi leggermente sotto i 500. Prima non è che fossi proprio uno spendaccione, diciamo che vivevo con più o meno 1000 euro al mese, inoltre sono sempre stato molto attento a non lasciare i capitali fermi ed ad investirli in modo che generassero ulteriore rendita.

Avevo l'obiettivo di smettere di lavorare e così ho deciso di creare alcune rendite parallele e di investire in piccole attività extra-lavorative che mi permettessero di sostituire gradualmente il denaro che percepivo lavorando, così da potermi licenziare. Ci sono voluti anni e l'impiego di tutto il mio tempo libero per far crescere questi progetti, anni in cui ho lavorato il doppio se non il triplo del normale, ma poi il sogno si è realizzato.

In questi anni ho ricevuto decine di domande (per la verità sempre le stesse) per cui penso sia giunto il momento di fare chiarezza su tutto, soprattutto in vista dell'uscita del mio primo libro "Smettere di lavorare", il manuale che tutti i comuni mortali, con uno stipendio normale, possono utilizzare come guida pratica al risparmio, l'auto-sostentamento energetico e percorso a "tappe" per riuscire a vivere con poco e quindi smettere di lavorare.

Potrebbe interessarti: Leggi di Quando mi Sono Licenziato



Con quanto vivo oggi?


Un tempo ero solito pubblicare periodicamente il mio estratto conto per monitorare la reale possibilità di vivere con poco, poi ho smesso perché stavo facendo alcuni investimenti e non era più una situazione veritiera. Ora che gli investimenti sono finiti, ecco nuovamente l'estratto conto dei primi tre mesi di quest'anno:

campare con poco denaro


Naturalmente ho dovuto oscurare tutto lasciando in chiaro solamente il periodo di estrazione (da gennaio ad aprile) e il totale delle mie uscite. Devo mantenere il più alto livello di privacy possibile perché questo blog viene visitato da mezzo milione di persone ogni mese, e ho avuto diversi problemi con soggetti diciamo non proprio amichevoli.

Come si nota, per vivere nei primi tre mesi dell'anno, ho speso circa 550 euro, cifra leggermente superiore a quello che affermo, ma solo perché comprende i pagamenti delle bollette di novembre e dicembre che, per quanto si possa essere "risparmiosi", al nord sono sempre le più incisive dell'anno. Qui c'è tutto, non ho un giro di soldi in nero che non vengono tracciati o un altro conto corrente dal quale attingo denaro, semplicemente ne uso molto poco. Naturalmente anche il mio tempo ha un valore, nel senso che ne utilizzo molto al posto di sborsare denaro contante, ma è proprio agendo in questa maniera che è possibile vivere con poco.

Tutte le risposte


Di seguito, come promesso, ecco le riposte complete alla maggior parte delle domande che mi vengono ripetutamente inviate per email o come messaggi ai vari articoli.


Spigami meglio come fai a vivere con poco


Non c'è nessun segreto: acquisto cibo in grandi quantità, soprattutto da persone che gestiscono fattorie e attraverso gruppi d'acquisto solidale. Per questo lo pago (al chilo), meno che al supermercato, ma soprattutto acquisto solo le materie prime e autoproduco tutto, dal pane ai biscotti, fino al dado vegetale. Naturalmente alcune cose mi conviene acquistarle, come la pasta, ma sempre in grandi confezioni. La verdura la produco praticamente tutta nell'orto e alla fine dell'estate surgelo grandi quantità di minestrone per l'inverno. Di seguito un'immagine della mia dispensa, dove si notano grandi contenitori di zucchero, semola, pacchetti di farina, pasta e riso senza marca (intendo marche note), tutto proveniente direttamente dal produttore.

prodotti per risparmiare


Le bollette sono quasi zero, con il fotovoltaico ho azzerato la bolletta della luce che, anche se ha dei costi fissi, viene coperta da ciò che guadagno vendendo l'energia in più che produco. L'acqua calda, in estate e nelle mezze stagioni, è gratis per via dell'impianto solare termico che ho installato. In autunno, parte della primavera ed in inverno mi riscaldo e cucino solo con la stufa a legna, quindi consumo pochissimo gas. La legna la taglio nel bosco e la metto a seccare in cantina.

E poi ovviamente non compro mai niente, ma niente niente, soprattutto vestiti e scarpe. Ho lo stesso paio di scarpe da quasi 5 anni, che uso sia in estate che in inverno. Se proprio qualcosa mi serve la cerco prima gratis sui siti di scambi e baratti, poi eventualmente la cerco usata e, infine, se proprio mi serve l'acquisto online, dove costa sempre meno che nei negozi tradizionali. Uso pochissimo l'automobile, ho un furgone westfalia usato che mi costa poco più di 200 euro l'anno di assicurazione.

Questo è sufficiente per spendere poco, ad ogni modo di 500 euro al mese ho sempre mediamente bisogno,
per nutrirmi e vestirmi.

Non pagare l'affitto o il mutuo


Non ho da pagare l'affitto perché ho costruito casa. Come dicevo ho iniziato a lavorare subito dopo gli studi e anche mentre studiavo, l'estate, ho sempre fatto uno o due mesi di lavoro. Ho lavorato in modo continuativo per circa 15 anni e così anche mia moglie, che conosco ormai da più di vent'anni. Abbiamo vissuto per molto tempo con i nostri genitori, al tempo senza figli nostri, quindi con due stipendi pieni abbiamo più o meno risparmiato 20.000 euro l'anno. La cifra finale è qualcosa di molto vicino ai 300.000 euro, che abbiamo sempre investito e fatto fruttare, con una parte dei quali abbiamo costruito casa.

Se oggi vivo con poco è anche grazie al fatto che per molti anni ho lavorato e risparmiato, la mia casa è modesta, l'ho costruita assieme ad una ditta a gestione famigliare di due fratelli, facendo per loro l'operaio. Molti dei lavori li ho fatti personalmente, molto di quello che mi serviva l'ho scambiato con servizi che potevo fornire io alle persone che contattavo.


Quanto si guadagna senza lavorare


A differenza di prima, quando lavoravo a tempo pieno come programmatore presso una grande azienda di informatica, oggi ho diversificato molto le mie attività e le ho basate principalmente su quello che mi piace fare. Non ho smesso di fare l'informatico, collaboro ancora con una piccola cooperativa di poche anime, con i tempi e i modi che ritengono giusti, ricercando la qualità, non la produzione dell'inutile al solo scopo di guadagnare. Poi ho questo blog e il mio piccolo studio di registrazione, anche quello auto-costruito nella cantina di casa, con un budget non superiore ai 2000 euro, ma quello che guadagno lì generalmente lo reinvesto tutto in strumentazione, microfoni e aggeggi vari. A tempo perso scrivo qualche articolo per agenzie di SEO soprattutto estere che mi pagano per Fare il Copywriter, ovvero produrre articoli che si posizionino bene sui motori di ricerca per aumentare la visibilità di società che si vogliono far notare sul web.

Si tratta di entrate molto variabili, qualche mese si guadagna poco, qualche altro molto. Mediamente, da quando ho smesso di lavorare, guadagno circa 3000 euro al mese. Di seguito i guadagni direttamente dal mio estratto conto bancario da quando mi sono licenziato, cioè giugno dell'anno scorso:

spendere poco


Quindi sei ricco adesso


E' paradossale aver smesso di lavorare e guadagnare più di prima, ma questa è una delle sorprese più grandi legate al cambiamento. Avrei potuto tranquillamente evitare di dirlo, potevo limitarmi a dire che vivo con poco e basta (il che è vero), ma non sarebbe stato onesto.

Quando si ha il tempo di fare più cose, diversificare le proprie attività e puntare tutto sulla qualità, sul fornire agli altri servizi davvero utili a prezzi bassissimi, allora si rovesciano le carte in tavola. Se non hai bisogno di guadagnare perché dei soldi non ti importa niente, se l'unica cosa che vuoi è vedere sul volto degli altri è un sorriso perché gli hai dato qualcosa di ottimo senza svuotargli il portafogli, ti ritrovi con la fila fuori dalla porta di casa.

Chi si affida a te sa che avrà qualcosa di vero valore, magari ci vorrà più tempo del normale, ma sarà un rapporto basato sulla trasparenza più assoluta, sull'onestà, talvolta anche sulla sincerità di dire "non ho tempo" o "in questo periodo ho voglia di fare altro", ma sapere di potersi affidare totalmente a qualcuno senza rischiare di rimanere scottati, non ha prezzo.

Meno lavori più guadagni, perché il modo "tradizionale" di lavorare, quello a cui tutti siamo abituati non è ottimizzato: si lavora tante ore per guadagnare poco, invece si può lavorare poche ore e guadagnare tanto!
Diversificare le proprie entrate, poi, abbassa drasticamente il rischio di restare senza soldi: un dipendente che viene licenziato è spacciato, una persone che ha 4 o 5 piccole attività può perderne una o due, ma avrà sempre sia un flusso di denaro in entrata sia la possibilità e il tempo di costruirne altre, basate su quello che gli piace fare, con i tempi e i modi che vuole.

Tuttavia, per chi vuole vivere con poco avere soldi non è positivo, più ne ho più mi rendo conto di avere difficoltà a non utilizzarli. Sebbene potrei spenderli, sono ben conscio che finirei per ricadere nella trappola dell'acquisto per soddisfare il bisogno di felicità, ma so altrettanto bene che questo è sbagliato e non porta alla vera felicità. In definitiva è sempre meglio non avere troppa disponibilità economica.

Da non perdere: Guarda le mie Bollette



Conclusioni


Vivere con poco significa saper risparmiare molto, ma questo costituisce solo una fetta dell'intera strategia. Il risparmio non è solo "non spendere" è soprattutto recuperare gratis o attraverso il baratto quello che ci serve, non lasciare i soldi fermi in modo che fruttino sempre, perché un capitale non investito, sotto la pressione dell'inflazione, si svaluta di anno in anno, e questo non è risparmio è spesa!

Con questo articolo ho voluto chiarire una volta per tutte come si può vivere con poco e quanto è conveniente smettere di lavorare nel modo tradizionale e puntare tutto su quello che sappiamo fare meglio.Generalmente queste sono le domande che mi vengono poste con maggior frequenza, se ce ne sono altre questa è la sede e il momento giusto per farle, così da integrare l'articolo con nuove risposte.

72 commenti:

  1. Ciao Francesco,

    vorrei farti una domanda, sperando di non essere indiscreto; per quanto riguarda le tue entrate parli di consulenze quindi immagino tu abbia una partita iva piuttosto che una società. Però le uscite non sono coerenti con queste attività: tu stesso ci dici che occorre pagare tasse, posizioni previdenziali, commercialista etc...

    Grazie della precisazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Didotech, moltissime delle attività che svolgo sono prestazioni occasionali, molto varie e assolutamente saltuarie, che dichiaro in quel modo.

      Elimina
    2. Ciao Francesco,

      scusa se insisto ma le prestazioni occasionali possono arrivare fino ad un massino di 5000€ (lordi). Per le cifre di cui parli ci vuole partita iva il che significa almeno 70000€ lordi. Se trovassi da fare "lavoretti saltuari" per 70k euro mollerei tutto anche oggi pomeriggio!!! :-)

      Elimina
    3. Ciao, leggi anche sotto. Le prestazioni occasionali sono le cose che faccio per lo studio di registrazione, robetta da niente solo quando sono in Italia. Anche qualche lavoretto di "informatica" qua e là lo gestisco in questo modo, e resto dentro quelle cifre che dici tu. Il resto lo gestisco come ho spiegato sotto, qualcuno ha fatto la tua stessa domanda :)

      Elimina
  2. Come pensi di gestire la vecchiaia, quando le energie saranno meno o avrai bisogno di assistenza? Immagino userai i tuoi risparmi non godendo di una pensione..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra qualche anno, quando avrò nuovamente un piccolo gruzzolo, farò altri investimenti immobiliari, quello credo sia il modo più saggio per avere una rendita a prescindere dalla pensione :)

      Elimina
  3. Ciao vorrei comperare il tuo libro ma risulta "non disponibile". Come fare?
    Grazie
    Cristina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ancora non è uscito, non so bene la data, ma dovrebbe essere tra un paio di settimane massimo!

      Elimina
    2. nel libro tratti anche come indirizzare bene i propri investimenti per farli fruttare
      ?

      Elimina
    3. Sì sì, il libro è un manuale dalla A alla Z per smettere di lavorare, un percorso a tappe, con conteggi precisi e talvolta anche noiosi :) Poi non mancano le giuste considerazioni sulla felicità e gli aspetti negativi di questa scelta.

      Elimina
  4. Ciao,
    grazie per il tuo solito, fantastico, articolo. Io ti invidio per il fatto di abitare in una casetta, forse in campagna. Io "purtroppo" sto in città e ho una seria difficoltà a coltivare l'orto in balcone..
    In piu la quantità di vasi per piantare tutto sarebbe troppo elevata. Mi rendo conto che io e la mia famiglia (siamo in 3) spendiamo moltissimo. Solo il mese scorso ho speso 1500 euro fra bollette, spese condominiali, mutuo e altro, senza contare la spesa.. In piu c'è l'asilo del bimbo, 520 euro al mese..
    Mi piacerebbe capire come poter risparmiare di piu. Attualmente sto cercando di mettere via circa dai 200 ai 300 euro al mese in un altro conto che ho (sbagliato perche dovrei metterli in un posto che fruttino un po di piu, ma si parla di cifre esigue quindi interesse cmq prossimo allo zero).
    Se hai qualche consiglio su come "risparmiare e vivere in città" sarebbe top per me..
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In città non è facile risparmiare, però posso farci una riflessione, cercare un po' di info e fare un articolo su come risparmiare vivendo in città! Grazie dello spunto!

      Elimina
  5. Aspetto di collezionare un pò di domande e poi rispondo in massa :)

    RispondiElimina
  6. Ciao Francesco,
    ti seguo da tanto, ho avuto modo di condividere con te alcune cose via mail.
    Leggendo questo articolo mi vengono le solite domande.
    - in tutti i tuoi articoli parli di te, dei tuoi investimenti, dei tuoi risparmi... parli da single, ma sei marito e padre, membro di una famiglia... perchè non scrivi anche che lavoro fa tua moglie, dove va il suo stipendio, le spese per tua figlia...? Perchè io ho fatto scelte simili alle tue, solo che mia moglie non lavora, ma non per questo non la considero nel bilancio familiare. questi tipi di articoli che scrivi sono faziosi anche se nascono con buon intuito... faziosi perchè parlano di un bilancio familiare ma si considerano solo entrate e uscite del marito.

    - è bello avere l'indipendenza energetica, termica, elettrica e idraulica... lessi anche tempo fa l'articolo in cui parlavi di come lo realizzasti e i costi... ma la domanda... lo hai già ammortizzato? Perchè non è alla portata di tutti (soprattutto oggi senza incentivi) investire in impianti di questo tipo...

    - io ho lavorato come te per anni, attualmente ho 32 anni e 11 anni di lavoro dipendente alle spalle.
    ho vissuto fino a 4 anni fa con i miei genitori... la differenza tra noi e che io in casa pagavo le bollette, davo una mano ai miei genitori nelle spese e non "scroccavo" l'auto alla mamma. Scusa se sono un po' duro, ma proprio avendo una situazione simile alla tua mi rendo più facilmente conto delle diversità di veduta... e della realtà che ci circonda.

    - parli del tuo westfalia.... anche li... te lo hanno regalato? Perchè non parli dei costi di acquisto, dei costi di ammortamento che non citi nel bilancio... io ho comprato una stufa a legna, costo 2000 euro comprensiva di installazione canna fumaria in inox.... DEVO considerare i costi di ammortamento della stufa nel tempo e li devo mettere a bilancio... sennò il mio bilancio e farloccio! ... e tornando al westfalia.... 200 euro di assicurazione dici... ma scusa, va ad acqua... gasolio? e non si rompe mai... manutenzione? o sei anche meccanico? (sono ironico, lessi il post sul westfalia e so che ti appoggi ad un meccanico amico... ma ti fa il lavoro gratis...?) vivi al nord, sicuramente sarai costretto a mettere le gomme invernali sul westfalia... costo di acquisto delle gomme termiche? sostituzione delle stesse? dove sono questi costi?

    - casa alle canarie... andrai qualche volta a vedere se è tutto ok.... costi dei voli?

    - concordo che tante attività siano megli di una... che se sei operaio o impiegato, vieni licenziato sei alla frutta.... ma tante attività ti prendono tanto piccolo tempo che alla fine lavori più di prima... certo come nel tuo caso magari i tanti piccoli lavori sono attività che non ti pesano... ma comunque sono tante piccole attività che a modo loro producono stress ("oggi non ne ho voglia / sono malato ma devo scrivere l'articolo sul blog" - "cavolo si è rotta la finestra nella casa alle canarie, devo trovare chi la ripari") ...

    - spese mediche? non citi MAI le spese mediche.... dentista? medicine? come diavolo è possibile non citare questa voce importantissima in un bilancio... ? ripeto, essendo in una situazione davvero simile alla tua per me vedere certi vuoti rende la tua storia NON REALE.

    - e poi ancora: canone televisione, lo paghi? c'è nel bilancio? spese internet/telefono? prodotti toilette come rasoi, shampoo, crema depilatoria per la signora, elettrodomestici (che a me a volte si rompono...)....

    Sono stato fin troppo diretto, e me ne scuso, ma spero di ricevere risposta per me e per gli altri utilizzatori del sito a tutti i punti sopra indicati.

    Simone

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mamma mia, ma quanto hai scritto!:

      Allora, vediamo di andare con ordine:

      - L'ho spiegato più volte, mia moglie spende pochissimo ed è peggio di me, sicuramente qualche volta fa la spesa, quello lo devo dire, ma raramente. Le bollette e tutto il resto le pago io. I soldi che guadagna vanno in banca, lei hai il suo conto separato dal mio. Ho anche spiegato che per mia figlia, che è ancora piccolina, non spendo quasi niente, trovo tutto si siti di scambi e baratti o roba di amici che mi regalano perchè ormai hanno figli grandi.

      - No non ho ancora ammortizzato, ci vorranno ancora circa 5 anni, ma è garantito, se si rompe me lo fanno nuovo. Oggi è più difficile senza incentivi, ma il prezzo degli impianti è sceso di molto, quindi probabilmente conviene ancora. Ci potrei fare un articolo!

      - Eh sì, io non pagavo le bollette e scroccavo l'auto, però pià che scroccare diciamo che condividevo visto che portavo mia madre al lavoro (che ormai non guidava più per vai motivi). Poi se vogliamo chiamarlo scroccare, ok, lo accetto, spendere poco è anche questo.

      - Il westaflia è vecchio, lo uso pochissimo, l'ho pagato una miseria. Il mio vicino e miglior amico è meccanico, mi fa lui i tagliandi, in cambio faccio altre cose per lui, il baratto è alla base di tutto il mio modo di vivere. Gasolio ne consumo pochissimo. Le gomme invernali non le metto, mica tutte le leggi devono essere rispettate, se pensi che una legge sia ingiusta (per uno che va in giro ai 40 all'ora a cosa vuoi che servano le gomme invernali?) sei libero di non rispettarla e pagarne le conseguenze. Anche i fari non li accendo di giorno, è una legge che non mi va di rispettare, ne pagherò le conseguenze prima o poi, per ora poi però :-)

      - Andata e ritorno per la Canarie si trova a 70/80 euro e comunque ci sono stato già diverso tempo e in futuro sempre di più. E' nato come investimento per vari motivi, sopratutto fiscali, ci starò sempre di più in futuro.

      - stress... al blog ci lavoro un ora al giorno, alle volte in riva al mare o ad un lago mentre aspetto il vento per surfare... se questo lo vogliamo chiamare stress ok :-D Per i problemi delle Canarie vedi sopra, ma c'è comunque un'amica che mi gestisce tutto. Quando dico che puntare tutto sui rapporti con gli altri è la chiave, questi ne sono i vantaggi pratici.

      - Sì, spese mediche mai, sono molto sportivo, non ho problemi di carie, non ho un problema ai denti da almeno 5 anni. Può essere fortuna o può essere che una vita fatta di sport e poco stress sia anche salutare. In futuro probabilmente sarà diverso, però il futuro è il futuro, la vita è il presente.

      - Nel bilancio c'è tutto, ho i capelli lunghi non vado dal barbiere mia moglie ogni tanto mi taglia il codicno, mi rado con un vecchio rasoio che affilo con una pietra che mi ha lasciato mio nonno. La lavatrice si era rotta e l'ho aggiustata con pezzi presi al CRM (lo so che non si può, altra legge stupida), non l'avevo nemmeno pagata l'ho presa con i punti della NIELSEN, sai quella società di statistiche per cui compilo i questionari e mi danno i punti. Ci ho preso anche due valige da aereo. Stessa cosa il phone. Lavastoviglie non la uso, asciugatrice non la ho, ho l'aria di montagna :) La signora se permetti sono affari suoi quello che fa.

      Spero di aver risposto a tutto, però credo che non sia proprio utilissimo questo tipo di raffronto, io impiego molto tempo, non ho le soluzioni per tutti, io ho fatto quello che ho fatto e vivo in questo modo perchè ho trovato delle soluzioni adatte al luogo dove vivo e a come sono fatto, ognugno deve trovare le sue, io posso solo dare idee...

      uff, hai intenzione di scrivermi un'altro papiro o posso andare a correre domani mattina presto :P

      Elimina
    2. Mi scuso per gli errori, ho scritto veloce e non ho riletto!

      Elimina
    3. Lungi da me fare il terzo o il quarto grado.... e chiedo scusa per il commento lungo, solitamente scrivo aforismi, ma penso sia stato così prolisso perché sono uscite tutte le domande/osservazioni che avevo da quando ti seguo.

      Ti ringrazio per le risposte, anche quelle un po' piccate.

      Credo che alla base, se si tiene un blog, specie come il tuo, bisogna essere aperti anche alle critiche, come quelle costruttive, come volevano essere le mie (insieme a qualche provocazione, ci sta). Tutto porta a migliorarsi.

      Non condivido alcune risposte, ma ripeto, non sono qua per dare giudizi, solo per far chiarezza sui quei lati vuoti che chi sa osservare trova (a volte) nei tuoi articoli.

      Ti auguro il meglio e apprezzo davvero il messaggio che dai con il tuo blog. In una società fagocitante come la nostra c'è bisogno di esempi così. E qua sono sincero, senza ironia.

      Buona corsa domattina!

      Simone

      Elimina
    4. Ma sì ma sì, ci sta tutto eh, ho capito quando eri ironico e anch'io lo ero, sopratutto con la questione del papiro :) Non mi danno fastidio ne le domande ne le provocazioni, più che altro mi scoccia non avere sempre il tempo e la voglia di rispondere a tutto! A presto!

      Elimina
  7. Certo che lavorare facendo cose che piacciono e risparmiare per avere le spalle parate non è che sia proprio scoprire l'acqua calda.
    Per di più farlo con un capitale in banca, non è neanche la scelta coraggiosa che dovrebbe apparire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non penso di aver scoperto nulla, la decrescita esisteva prima del mio cambiamento, molti prima di me hanno fatto quello che ho fatto io, probabilmente di me si conosce la storia perchè ho un blog abbastanza frequentato :)

      Elimina
  8. Ciao Francesco, ma se guadagni 3000 euro al mese, perchè devi escogitare tutti questi sistemi per "sopravvivere"? Perchè devi spaccarti la legna e riscaldare al minimo la casa, o impiegare diverso tempo per ricercare le offerte migliori per gli alimenti,vestiti al baratto o usati,ecc.? Ho capito che ti piace questo stile di vita, ma con 3 mila euro al mese ragazzi,dai... ;) ti faccio i complimenti per i guadagni, ma questi contrastano con la vita che fai a vista di molti. Sei mica Piemontese (popolazione ricca che non defeca per non mangiare)? Era una battuta ironica, ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto questi guadagni non sono fissi, non sono un dipendente e quindi chissà come andrà tra qualche mese... e poi risparmiando ad un certo punto avrò le spalle sufficientemente coperte per cambiare ancora vita (se questa non mi piace più). Devo poi pensare a quando sarò vecchio e non potrò lavorare :)

      Infine mi sono accorto che più utilizzo il denaro più sono infelice, vivere con poco mi rende estremamente felice, rinunciare a tutto mi permette di vivere veramente la vita, come l'ho sempre voluta, in modo semplice, coltivando valori veri.

      E poi c'è mia figlia, vorrei che lei, quando sarà adulta, possa decidere cosa fare e non essere costretta a lavorare. Se io sarò parsimonioso lei potrà vivere una vita libera, e per me questo conta più di ogni altra cosa!

      Elimina
    2. Ciao Francesco, apprezzo molto il tuo blog e quella che fai,

      ma sinceramente sono rimasta turbata quando ho letto che guadagni 3000 euro al mese, e concordo con Times pet perchè se uno guadagna bene perchè complicarsi la vita per risparmiare per forza, cmq rispetto la tua scelta solo che diciamocelo chiaro è vero che non sono fissi e non sai se andrà bene, ma può essere pure che i tuoi guadagni aumentino se a questo aggiungi che tua moglie ha i suoi risparmi e il lavoretto, la casa alle canarie, non c'è più il msg di uno che campa con poco, ma solo di uno che riesce a guadagnare molto bene e sa sfruttare le opportunità spendendo poco, in contrasto con tutta la povera gente come me che a quasi 40 anni guadagna a nero neanche 300 euro e non ha nessun contributo...

      Elimina
    3. D'altronde le cose sono cambiate, inaspettatamente tra l'latro, se in questo modo cambia anche il messaggio che do ok, ma quello che è stato non si cancella.

      Elimina
    4. Grazie Francesco per l'onestà nel dichiarare anche aspetti che avrebbero fatto storcere il naso a qualcuno. Io ti seguo dagli inizi ma chi ha cominciato a farlo da poco e legge che tu guadagni 3.000 al mese, tua moglie lavora e hai una seconda casa alle canarie...In effetti ci resta un po' male. Per me comunque te li meriti tutti! ;)
      Una domanda: ma nel libro c'è qualcosa di diverso o in più rispetto al blog? Oppure è un condensato per persone che non ti conoscono sul web ?
      Ciao Attilio

      Elimina
    5. Il libro, all'inizio, racconta molto dettagliatamente la mia storia, più di quanto abbia mai fatto qui, accompagna nei ragionamenti che da sempre ho fatto e prende spunto da quello che ho già scritto diverse volte, il tutto rielaborato, affinato ed unito in modo che sia più continuo e scremato. Alla fine ci sono considerazioni su come sia la vita senza lavoro, quali problemi questo causa e come prepararsi alla vecchiaia. Le teniche che spiego sono le migliori tra tutte quello che ho provato.

      Elimina
  9. ciao Francesco,
    Ti seguo da circa 2 anni e ti faccio tanti complimenti per il blog, scrivi cose interessanti di cui ho preso molti spunti, (ho 48 anni sposato senza figli) e a fine 2014 ho chiuso la mia attivita' in proprio dopo 22 anni causa crisi ma soprattutto studi di settore assurdi, fortunatamente come te ho iniziato a lavorare da ragazzo e risparmiato molto, cosi' ora posso campare tranquillo con qualche lavoro occasionale ecc. Dopo questo tuo articolo sincero e ti ringrazio per questo, dovresti cambiare i titolo del blog perché come tutti sappiamo per vivere ci vogliono i soldi (tanti o pochi, dipende dal tipo di vita che uno sceglie ecc.) o si ereditano o devi lavorare, e anche se fai lavoro che ti piace tipo (blog, libri, musica, ecc.) e comunque sempre lavoro, ripeto condivido quasi tutto quello che scrivi e apprezzo tuo tenore di vita, ma secondo me il titolo giusto del blog dovrebbe essere (VIVERE CON POCO) perché purtroppo senza lavorare (lavoro bello o brutto, pesante o leggero, poco o tanto) non si vive.
    grazie per lo spazio concessomi e un abbraccio grande
    Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' dal 2012 che spiego che smettere di lavorare non significa non fare nulla dalla mattina alla sera, ma liberarsi dalla forma di lavoro schiavizzante a cui tutti siamo abituati e vivere delle proprie passioni, con i tempi e le modalità che vogliamo. La sorpresa, per me, è stata scoprire che in questo modo si lavora poco, si fanno cose buone e utili e si guadagna anche tanto, ma questo prima non lo sapevo. Tuttavia credo dipenda anche dal tipo di attività che si intende svolgere!

      Elimina
    2. Magari fosse possibile! io sono a casa da 10anni e non c'è verso di trovare qualcos'altro. Sarà che sono donna e siamo penalizzate, sarà che la mia laurea non è appetibile nel mondo "reale"( io sono ex cantante lirica senza una carriera vera e propria alle spalle, il figlio è arrivato troppo presto :P))e quello che so fare è sempre in campo artistico( decorazione,riciclo per arredamento,restyling del mobile, gioielleria artigianale in rame, cose così..) fatto sta che sono senza il becco di un quattrino e senza l'aiuto di mio padre( che ormai è ottantenne) , morirei di fame e ci ho comunque cresciuto un figlio, che per studiare ora si è trasferito da loro, in montagna.Ormai ho 52 anni,Casa non ce l'ho, patente nemmeno( costa troppo) Vorrei capire come riuscire a fare più lavoretti per campare, non mi importa certo diventare ricca maalmeno vivere dignitosamente si.. amo anche io vivere a contatto con la natura e autoprodurre ma a fondi zero anche questo diventa un'utopia.. non ho una rete di conoscenze o amici,vivo in un paesino dove non c'è niente e nemmeno puoi coltivarti un orto, ma se riesco a vendere la casa dei miei qualcosina riesco a racimolare , solo che non ho assolutamente idea di dove potrei andare a vivere per avere un "ambiente più favorevole",quindi... suggerimenti?

      Elimina
  10. Grazie per questo tuo bel articolo.
    Siamo anche noi (io e la mia famiglia) al punto di cambiare la vita e scegliere qualcosa di
    piu tranquillo ...li nelle zone dove hai acquistato l'appartamento :-)
    Auguri ... e tienici F5 :-)
    Denis

    p.s. se vuoi cambia il tiolo in "smettidifareillavorofisso" :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivimi quando siete alla Canarie che ci vediamo! :)

      Elimina
  11. ...Beh almeno le scarpe si possono anche cambiare un pò prima di 5 anni dai su... Michele da Rovigo

    RispondiElimina
  12. Avanti con il terzo grado eh, che sono caldo e ho tutta la sera per dare risposte :D

    RispondiElimina
  13. Ciao Francesco,

    sono interessato alla gestione dei risparmi. In un precedente post dicevi di non saper investire in borsa, quindi in cosa stai investendo ora? Quali sono le tue strategie?
    Che strumenti adoperi per investire?
    Sarebbe bello un post specifico sulle tue tecniche di gestione del denaro, non una semplice spiegazione di quali possibilità esistono. Ad esempio, possiedi un deposito titoli? Se si, come e dove ti informi sui prodotti da acquistare ( obbligazioni ect...), quale banca consigli per operare?
    Ti scrive un correntista postale che non sa dove sbattere la testa tra libretti Smart al 1% e buoni indicizzati a 0,5% lordi.
    I post di Borsole sono utili, ma manca il manuale for dummies: apri porta banca, usa codice fiscale con operatore, raccogli penna ...:)
    come quei vecchi adventure!
    Ciao,
    Max

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Max, io ho sempre comprato obbligazioni quando rendevano bene (6 o 4%) perchè sono un risparmiatore di quelli "paurosi", adesso non investo in niente perchè non ci sono buoni rendimenti e non c'è inflazione, sto aspettando ancora qualche mese che le cose migliorino un pochino.

      Elimina
    2. Per Borsole dillo a Ivo,così mi scrive un articolo per il blog ;)

      Elimina
  14. Ciao Francesco! Anch'io ho scoperto il tuo blog per caso e mi è davvero utilissimo(è dire poco), non solo per i consigli pratici, ma anche per quelli che riguardano, diciamo, l'anima....
    Vorrei quindi cogliere l'occasione e farti pure io delle domande (una è stupidina...eh eh eh...preparati).
    1- Che tipo di scarpe usi per correre, visto che lo fai in montagna? Non si bagnano? =O
    2- Che ne pensi dei maxicaravan? Consentono di risparmiare? Io amo la campagna ma non mi posso permettere di acquistare una casa (perchè sono single e oltretutto faccio grande fatica a trovare case piccoline con tanto terreno). Ho trovato una ditta costruttrice di rimorchi + casetta. Sembra che tutto sia fatto per essere a norma di legge! Il costo, per un'abitazione di 25 mq, è di circa 21000 €. Per me non sono pochi e dovrei comunque chiedere un finanziamento... Potrei costruirmela da sola (beh, dai, con l'aiuto di qualche amico! ;-) )ma temo non sia poi in regola. Tu sei informato?Ne sai qualcosa? Sarebbe bello se potessi scrivere un articolo!!
    3- Sapresti consigliare una guida per chi, come me, non è tanto capace nell'uso delle tecniche informatiche? Mi spiego meglio: sto scribacchiando qua e là pure io( ho aperto un blog! Cose da non crederci!!! E sto buttando giù dei racconti) ma sono un'iGNIOrante totale circa, per esempio, il mettere foto sul blog, il creare un sito e cose così....So che a te verrà da ridere, ma per me è importante!
    Grazie in anticipo!
    P.s.Sappi che non sei l'unico a fregarsene di voler possedere cose sempre nuove e a lavorare come un matto per averle...Un mio caro amico non ha più il pomello del cambio della macchina, ad es., ma lui va avanti anche così "perchè tanto funziona lo stesso"! Ahahah!! E poi mi sa che ti batte perchè ha trovato il modo di lavorare 3/4 giorni al mese! ;-)
    Ti abbraccio e grazie ancora per aver contribuito a migliorare la mia vita.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eccomi scusa, questo commento mi era sfuggito :)

      1. Per un po ho usato un paio di scarpe da 15 euro della Lidl, poi si sono distrutte e ho preso un paio serio de "La Sportiva" da trial, con sotto dei tacchetti di plastica dura, perfette per correre anche nella neve. La sportiva fa vari modelli impermeabili, per me, che ho la pianta del piede largo, sono il top. E' quasi arrivato il momento di cambiarle, e prenderò ancora quella marca. Se il signor "La sportiva" stai leggendo e ti va di darmi l'endorsement per questa pubblicità gratis, non mi offendo :D

      2. Sai che non so proprio niente dei maxicaravan, me devo informare perchè mi sembra una cosa molto interessante, anzi, se hai già raccolto delle info e me le vuoi passare per email, mi aiuteresti anche! Se mi aiuti scriviamo un articolo insieme!

      3. L'informatica è vasta, la programmazione poi non ne parliamo, ci sono tantissimi linguaggi, una marea di frameworks, ognugno adatto per una cosa specifica. Io stesso che ne sono appassionato da sempre conoscerò si e no un terzo di tutto quello che esiste. Se vuoi imparare qualcosa prima devi decidere cosa vuoi imparare a fare: siti, app per cellulare, gestionali, blog? Decidi cosa fare, poi ti dico dove trovare il materiale migliore :)

      Ehy il tuo amico non è che vorrebbe raccontarmi come fa per email? Sono proprio curioso!

      A presto Francy e buona vita!

      Elimina
    2. Tranquillo, sono già contenta come un puciu perchè mi hai risposto! :-)
      Allora, per il punto 1 (scarpe): grazie 1000! Punto 2 (maxicaravan): ti giro volentieri via email quello che già so e mi informo per quello che non so...
      Per il mio amico lo sento e ti so dire cosa ne pensa!
      Ti chiedo però scusa ma tutto ciò non potrà avvenire nei prossimi giorni perchè sono impegnata in un seminario....
      Buona serata!

      Elimina
  15. Visto che tutti fanno il terzo grado, forse mi sono perso un passaggio: risiedi alle Canarie da quando hai comprato casa oppure sei all'estero da tempo? Se sei tipo in Bulgaria, per dire, grazie che campi con 500 euro al mese..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da quando ho comprato casa, ma non sono comunque là stabile, vivo tra qui e là. Questi conti riguardano i mesi che sono stato qui.

      Elimina
  16. ciao Francesco, ti stimo molto e credo che tu abbia messo in pratica alcuni dei migliori sistemi per "vivere bene" su cui rifletto da diverso tempo, però ho una domandina sui ricavi del blog che suppongo siano la rendita principale, su internet c'è un po' di confusione a riguardo ma come li dichiari? e idem per il tuo futuro libro, che potrebbe generare una ulteriore fonte di guadagno; non sono prestazioni occasionali e non hai partita iva. . .quindi? Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, leggi tra i commenti che ho già risposto a questa domanda :) Per il libro non penso ci saranno grandi problemi, prendo il 7% su un prezzo di copertina di 10 euro, per cui sono 70 centesimi a copia... Se diventasse un best seller, ok, farò lo scrittore a tempo pieno, ma non credo proprio :) Ad ogni modo non mi interessa guadagnare, se avessi voluto guadagnarci lo avrei venduto direttamente sul blog, guadagnano il prezzo pieno, non un misero 7%... a me quello che interessa è raggiungere l'offline e portare i valori in cui credo a chi solitamente non s'informa attraverso la rete.

      Elimina
  17. Ciao Francesco,

    ottimo articolo. Sarebbe molto interessante (quando puoi eh!) un articolo sulla possibilità di avere la residenza allestero.
    Stavo pensando che essendo sposati la denuncia dei redditi è congiunta e quindi i redditi si sommano.
    Tu come hai risolto?

    Grazie ancora, sei un modello d'ispirazione.

    Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tony, hai ragione è un ottimo argomento da trattare, abbastanza complesso a dire il vero, per cui penso ci scriverò un'articolo! Grazie mille per lo spunto!

      Elimina
  18. Ciao Francesco,seguo da tempo il tuo blog anche se nn ho mai commentato,colgo l'occasione per farti i complimenti per il coraggio delle tue scelte e, a questo punto,per i risultati raggiunti..avrei una domanda:avendo un lavoro e degli impegni pressanti in italia (faccio il fisioterapista e ho moglie e figlia),quindi poco tempo per eventuali spostamenti,mi consiglieresti cmq come investimento una casa vacanze all'estero come hai fatto te?..da quanto ho capito tu sei spesso sul posto,quindi controlli direttamente la gestione..grazie ciao!!
    davide.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! L'investimento all'estero, dal punto di vista del rendimento, non è poi molto differente da quello che puoi avere con una casa vacanze in Italia (almeno nelle zone che ho studiato io). Per esempio a Rimini o Riccione affitti sicuramente per meno mesi rispetto ad una zona come le Canarie, ma guadagni mediamente di più, quindi il rendimento è quasi equivalente. Parlavo proprio la settimana scorsa con un'amica che ha un'appartamento in queste zone, e mi riportava rendimenti assolutaente in linea. Il punto è che all'estero o hai qualcuno di super fidato a cui affidarti oppure lascia perdere, un'agenzia ti mette dentro gente a caso, anche dei disperati pur di affittare, una persona fidata che ti seleziona anche le persone magari ti fa guadagnare di meno, ma hai molti meno problemi.

      Questo per dirti che se hai disponibilità economica valuta di acquistare in Italia, la differenza con l'estero è sostanzialmente nell'investimento iniziale, che è più o meno la metà che in Italia.

      Elimina
  19. ciao francesco, hai detto che hai lavorato per 15 anni come dipendente, perché non versi i contributi per altri 5 anni per arrivare a 20 anni di contribuzione e poter avere la pensione di vecchiaia ? michele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A dire il vero, per come sto vivendo ora, non ritengo giusto prendere la pensione, moralmente intendo! Preferisco non gravare sulle casse dello stato e arrangiarmi, lo ritengo più corretto :)

      Elimina
    2. legittimo ! ma riavresti (forse) da 70 anni, quello che hai versato per 20 anni di lavoro, per pagare le pensioni di chi è andato in pensione con 20 anni di contributi a 40 anni (per fare un esempio) ...

      Elimina
    3. Temo che l'ammontare dei contributi per i 5 anni restanti sia così alto, nell'ottica distorta dell'INPS, da essere controproducente come investimento. E poi, con il principio (giusto) contributivo la pensione sarà comunque una cosa misera che ad oggi non è dato sapere. Purtroppo è questo il contratto che si fa con lo stato quando si inizia a pagare i contributi: intanto paga, poi vedremo quanto prendererai :-(
      Sono un libero professionista e nel 1996 sono stato obbligato a pagare i contributi INPS che prima erano facoltativi (versavo ad un'assicurazione privata). La promessa era quella di una pensione minima a fronte dell'8% sul fatturato. A gennaio 2015 con l'ultimo ritocco la percentuale è andata al 30,7%!!!!! Meditate gente...

      Elimina
  20. Complimenti Francesco, ti seguo dagli inizi, ho seguito il tuo percorso e sicuramente acquisterò il tuo libro. Vorrei però fare alcune considerazioni spietate, che servono anche a me stesso per evitare di cadere in facili entusiasmi proprio perchè sono un tipo molto poco avventato e mi piacerebbe cambiare vita in modo calcolato.
    1) Tu e tua moglie avete lavorato per anni mentre vivevate a casa dei rispettivi genitori. In questo modo avete potuto accumulare una discreta somma per poter comprare casa senza essere strozzati da mutui. Quante persone in Italia avrebbero questa possibilità?Prima scrematura

    2) Entrambi avevate (prima che tu ti licenziassi) un lavoro stabile e a tempo indeterminato. Anche qui è un lusso per pochi al giorno d'oggi; altra scrematura.

    3) Avete scelto una casa in campagna, dove è possibile avere l'orto, tagliarsi la legna, autoprodurre. Beato te ad aver trovato una compagna che la pensi in questo modo, io conosco poche donne che sceglierebbero di andare a vivere in un posto isolato. Altra scrematura.

    4) Tu hai delle passioni ( informatica, crescita personale ecc.) che sono monetizzabili. Purtroppo non sempre ciò che ci appassiona può portare ad un riscontro economico. Si può vivere delle proprie passioni, a patto che siano quelle richieste dal mercato. Ulteriore scrematura.

    Mi fermo qui perchè credo di aver spiegato quello che intendo dire. Essendo in coppia, avendo all'inizio una certa disponibilità economica, amando entrambi la vita in posti sperduti, avendo passioni monetizzabili, si può pensare di cambiare vita.

    Io ti ammiro e ti stimo molto, cerco di imitarti in molte cose: faccio l'orto, riciclo tutto, riparo molte cose da solo, non spendo in cose inutili e cerco di risparmiare su ogni cosa. Ho ridotto le mie ore di lavoro ma devo anche essere onesto con me stesso e ammettere che PER ME, le condizioni per poter un giorno smettere di lavorare non si realizzeranno mai. Credimi vorrei davvero che non fosse così!
    Mi piacerebbe aver sbagliato i calcoli e poter seguire un percorso, anche lungo, per poter tra dieci anni non essere più uno schiavo... Ma , conti della serva alla mano, devo tristemente riconoscere che al momento non vedo speranze.
    Con immutata stima
    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutto vero quello che dici, ed è quello che cerco sempre di spiegare, cioè che il mio percorso è costruito su di me, su quello che ho potuto fare. Ci sono persone che lo hanno fatto in modo diverso, magari non hanno smesso di lavorare, ma si sono ridimensionate, vivono meglio, facendo solo in parte quello che ho fatto io e inventandosi altri modo, con passioni diverse. Scriveva Francy qualche commento più su che un suo amico ha trovato il modo di vivere lavorando 3 o 4 giorni al mese... chissà come fa, sicuramente si è inventato un modo intelligente, sfruttando la situazione in cui si trovava, perobabilmente molto diversa dalla mia.

      I modi ci sono, prima di inventare il mio modo non credevo si potesse, ci ho messo anni e l'ho trovato, puoi trovarlo anche tu, non devi fossilizzarti su come ho fatto io, esiste certamente una strada adatta a te e alle tue condizioni... può anche essere una strada che ti porta in una direzione diversa, ma alla fine quello che conta è essere felici non smettere di lavorare.

      Elimina
  21. Ciao Francesco,
    ho scoperto il tuo blog da dicembre e lo seguo assiduamente, quando parli di investire capitali e non lasciarli mai fermi di che tipo di investimenti parli? Conti di deposito o altro? Quale sarebbe la scelta più adeguata?
    Per chi ha iniziato da dicembre come me arriverà alla fine di quest'anno e dovremmo necessariamente investire il denaro.
    Saluti. Adriano

    RispondiElimina
  22. Ciao Francesco,
    ho visto che il mio " commento" relativo al costo della casa alle Canarie e la % annua di guadagno non è stato pubblicato.

    Ritengo che questa scelta sia assolutamente attinente al tuo giudizio e discrezione, ma in ogni caso, vista la semplice domanda, potrebbe mettere in dubbio la tua buona fede e trasparenza.
    La censura, sotto qualsiasi forma, secondo me non è mai segno di limpidezza, chiarezza e sincerità.

    Inoltre a differenza di molti altri "blogger" non viene pubblicato un elenco di siti/blog simili da cui prendere spunti.

    Vuoi veramente diffondere idee oppure hai timore della concorrenza e temi che i tuoi affezionati lettori abbiamo una visione più ampia?

    Capisco che il fatto che questo blog ti crea reddito ed è meglio non avere "concorrenza"...

    Grazie

    A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, per favore abbi la pazienza di aspettare a pubblicare commenti doppi, alcune volte parto e non guardo il blog per giorni e giorni, per cui i commenti tardo ad approvarli. Altre volte faccio ore e ore di pulizia di vecchi commenti, per motivi di SEO che non sto qui a spiegarti, per cui può anche darsi che un commenti che approvo adesso, tra due mesi non ci sia più. Il tuo commento proprio non l'ho visto, può essere non sia mai partito o può essere che l'abbia eliminato per sbaglio, cosa volevi sapere, qual'è la percentuale annua di guadagno della Casa alle Canarie? Non vedo perchè dovrei tenerlo nascosto, ho già risposto a questa domanda in altri articoli... comunque poco perchè ci vivo diverso tempo, diciamo un 15%.

      Elimina
  23. Ciao Francesco,
    noto che differenza di molti altri "blogger" non viene pubblicato un elenco di siti/blog simili da cui prendere spunti.

    Vuoi veramente diffondere idee oppure hai timore della concorrenza e temi che i tuoi affezionati lettori abbiamo una visione più ampia?

    Sotto ne cito come esempio, uno che potrebbe risultare molto interessante (ce ne solto molti altri):

    http://earlyretirementextreme.com/

    Capisco che il fatto che questo blog ti crea reddito ed è meglio non avere "concorrenza"...

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli articoli sono generalmente pieni di link a siti esterni che trattano gli stessi argomenti che tratto in quel particolare articolo. Lo faccio perchè, trattando molti temi, la lista che intendi tu sarebbe lunghissima, quindi inusabile :) troppa scelta = nessuna scelta.

      Elimina
  24. Ciao..passo spesso da queste parti per "ritrovare la rotta" del risparmio e voglio ringraziarti per le innumerevoli volte che sono fin ora riuscito a non aprire il portafogli per spese superflue.Tuttavia..ci sono anche per me diverse "zone d'ombra" nei tuoi articoli che mi lasciano qualche dubbio.Specialmente sulle spese di acquisto e gestione casa.Io con un mutuo e 2 bambine e moglie a part-time vivo con moolto meno di 500 euro(senza considerare mutuo-asilo nido-scuola materna).Non mi sembra una bella vita...,poi passo di qui ti leggo un po..e mi illudo che invece sia fantastica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto io possa dare dettagli e spiegare le cose non riuscirò mai a dire tutto e spiegare ogni dettaglio, ci sarà sempre un obiezione o un in'insinuazione o qualcuno che dice che non ci crede ecc... Ho smesso da tempo di cercare di convincere tutti, non c'è via d'uscita da questa strada, ma sinceramente più di così non so proprio cosa fare.

      Elimina
  25. Ciao Francesco, anche se commento meno ti seguo comunque (ci sono nell'ombra ^_^). Prendo questa occasione per farti i complimenti e gli auguri per il lancio del tuo libro. Se ti va tienimi aggiornata sugli sviluppi degli affitti a Fuerte (numero richieste, tipologia clienti...) così posso confrontare i dati con quelli del mio appartamento a Gran Canaria e capire meglio le diversità tra le 2. Un abbraccio. Moira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Moria, per queste cose tra me e te sentiamoci per email :)

      Elimina
  26. Il mio blog di ispirazione :) // Ti faccio i miei complimenti...

    RispondiElimina
  27. Ciao Francesco,tu sei il mio mito,hai trovato il tuo modo per lavorare il giusto e guadagnare,BRAVISSIMO!!
    Io mi sono votata alla decrescita e in 37 anni è la prima volta che sono felice.
    Risparmiare su tutto,dando più valore alle cose, si può,io lo so,e mi dispiace leggere di persone che dicono:ma il governo ladro,ma la famiglia,ma i debiti..NO!!SONO SOLO SCUSE PERCHè STANNO BENE COME E DOVE STANNO..come diceva la mia nonna:l'unica cosa che importa è la salute..quindi...augurando a tutti una vita più sana e longeva che si possa,do solo un piccolo consiglio..provateci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola, non è mai troppo tardi per cambiare, basta crederci!

      Elimina
  28. Partendo dal presupposto che una persona come Francesco sia da stimare per la scelta di vita che lui e la sua famiglia hanno intrapreso vorrei, con mio rammarico, affermare che oramai Smettere di lavorare non ha più senso di essere frequentata, secondo il mio personale parere. Mi ricordo che una volta vi erano più consigli con finalità pratiche alla portata di tutti, ad esempio, come risparmiare sull'auto, come risparmiare sulle bollette, etc.. Ora invece purtroppo, uniti ai tanti e seppur utili articoli a sfondo psicologico/motivazionale, si affiancano articoli che più che aiutare il lettore ad una scelta di risparmio economico, mettono in evidenza il successo dell'autore (casa alle canarie, reddito mensile di 3000 euro al mese in gran parte pagato dai tanti lettori che si chiedono come sia possibile avere un reddito del genere e godersi la vita) per questo vi dico: SVEGLIA ! Ragazzi, i soldi che Francesco o tanti autori che si scoprono filantropi con la strana passione di scrivere libri ce ne sono a iosa. Io vi chiedo, volete risparmiare ? Internet, per chi ha la pazienza di cercare, vi darà tutte le risposte che volete trovare. Ad esempio io, senza spendere soldi per libri di dubbia utilità sponsorizzati dai guru del risparmio, ho trovato tutto quello che mi serve per risparmiare sul web, l'ho messo su un foglio elettronico per video scrittura, stampante e via, ho il mio bel libro da consultare qualora volessi ad esempio risparmiare e fare il sapone piuttosto che il pane o utilizzare l'olio esausto della macchina per dipingere qualche mobile o costruzione di legno per esterni. Se volete davvero risparmiare cambiate mentalità, risparmiate sul libro che volete comprare per risparmiare e farete il primo passo e poi cortesemente, smettetela di essere italiani medi ovvero sempre tifosi di qualcuno. Saluti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' difficile per me trovare altre tecniche per risparmiare, ho scritto così tanto in merito che non ho più molto da dire. Sono sempre alla ricerca di nuovi modi per risparmiare e, quando li trovo, scrivo articoli in merito, ma l'argomento l'ho scavato così a fondo che dire cose interessanti e nuove è molto difficile. Smettere di lavorare ha molte sfaccettature, non per tutti conta risparmiare, come non per tutti conta guadagnare o andare all'estero, quindi tratto argomenti trasversali che a volte interessano a certe persone, altre volte ad altri. Poi i report sulle mie uscite e i guadagni li faccio per mostrare che tutto questo si può fare, altrimenti sarebbero solo chiacchiere senza fatti documentati.

      Elimina
  29. Fra del tuo libro nuovo si sa più niente?

    Visto che avevo ragione quanto te e altri sosteneva inflazione a zero a lungo basta liquidità tassi negativi Bce e euro scende e inflazione salirà cmq euro varrà meno di altre valute è finita epoca del risparmio in tutto case tenere Bot ormai o si sta fuori del tutto su isoletta o si sta dentro rischiando es imprese o trading ecc cmq non si sfugge dal lavoro diciamo studiata in crisi o in euforia bene

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, il libro esce a luglio, è pronto da un pezzo ma questi sono purtroppo i tempi delle case editrici :)

      Elimina
  30. Ciao Francesco,
    innanzi tutto complimenti per il tuo interessantissimo blog, presto comprerò inversione kindle il tuo libro perchè voglio studiarmelo bene bene....tuttavia vorrei farti una domanda, secondo il tuo parere due persone per vivere dignitosamente alle isole canarie, in particolare nell'isola di Lanzarote quanti appartamenti dovrebbero possedere, per campare di soli affitti? Ne bastano due? Premetto che ne possediamo già uno (da poco però)...
    Grazie e a presto

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.