Si può Cambiare Vita Senza Soldi? Dipende da noi!

Si può Cambiare Vita Senza Soldi? Dipende da noi!
Possibilità di cambiare vita quando
si è senza fondi
Ho scritto molto e ricercato numerose informazioni sulla possibilità di attuare il cambiamento, mi sono però accorto che esiste una fetta piuttosto ampia di persone che ricerca informazioni su come cambiare vita senza soldi. Credo sia arrivato il momento di fare chiarezza su questo concetto e stabilire cosa si può e cosa non si può fare in base alla propria disponibilità economica.

In questo articolo scopriremo quale tipologia di cambiamento ci è concesso, relativamente alla quantità di denaro che possediamo, perché anche se i soldi sono principalmente una fonte di problemi, usati nel modo giusto possono aiutarci nel cambiamento.



Cosa significa cambiare vita?


Questa è probabilmente la domanda cruciale che tutti ci dobbiamo porre quando ci accorgiamo che la nostra esistenza non ci soddisfa, quando siamo stressati, stanchi, demotivati e vorremmo mollare tutto e scappare. Si arriva a questa consapevolezza attraverso due differenti percorsi:

  1. Si sopporta per molto tempo una situazione che ci sta stretta e si matura lentamente la voglia di cambiare vita, fino a quando si prende la decisione finale e s’incomincia a cercare una soluzione.
  2. Si ha un’occasione di cambiamento, un amico, un ex collega o un conoscente ci propone qualcosa che può stravolgere la nostra esistenza, e scegliamo di cogliere la palla al balzo e metterci in gioco.

C’è una bella differenza tra questi due “moventi” al cambiamento, nel primo caso siamo disposti a rischiare di più e ad accettare qualche compromesso pur di uscire dalla condizione di infelicità in cui ci troviamo. Nel secondo invece partiamo da una situazione potenzialmente tranquilla, in cui magari stiamo bene, ma abbiamo prospettive di una vita diversa e più interessante; probabilmente non accetteremo compromessi e cambieremo soltanto se tutto (o quasi) può migliorare.

Questa distinzione è molto importante perché il significato della parola “cambiare”, in questi due contesti, si trasforma: Nel primo caso cambiare vita significa risolvere uno o più problemi per tornare ad essere felici, nel secondo soltanto mettersi in gioco e tentare una nuova strada. Entrambe le categorie di persone potrebbero essere “senza soldi”, ma la seconda ha già in mano una prospettiva concreta e un percorso da seguire, pertanto se abbisogna di denaro per cambiare, probabilmente ha tutti gli strumenti per calcolarne l’ammontare. Il primo gruppo di persone invece ritengo sia quello più bisognoso di avere una panoramica sulle opportunità che oggi abbiamo di cambiare vita senza soldi, pertanto in questo articolo mi riferirò principalmente a loro.

Quali sono le possibilità concrete


Come ho già abbondantemente spiegato nel post Un Progetto per Cambiare La Propria Vita, abbiamo sostanzialmente due possibilità di rendere operativa la volontà di modificare lo stato delle cose, ma non le abbiamo mai analizzate dal punto di vista dei soldi:


Scappare


Questa opzione è probabilmente la più costosa, chi segue da tempo questo blog, ed è solito leggere gli articoli che propongo relativamente alle tecniche e le possibilità di cambiare vita andando all’estero, sa bene che questa decisione comporta una certa spesa. Indipendentemente dal luogo del mondo in cui intendiamo trasferirci, dobbiamo metterci bene in testa che non è possibile ottenere un visto di residenza permanente se non si lavora, a meno che non si possegga un grosso capitale da investire sul territorio di destinazione. Non si può fare le valige e stabilirsi in un paradiso tropicale dove la vita costa poco, senza fare niente tutto il giorno: ad esempio Vivere con Poco in Costa Rica non è consentito a chi non lavora, a meno che non depositi almeno 60.000 euro.

Se non abbiamo soldi dobbiamo trasferirci e lavorare, ma questa operazione ha un prezzo: tralasciando il costo della burocrazia e dei visti temporanei, inizialmente dovremo recarci più volte all'estero per capire se tutto è come lo immaginiamo o come ce l’hanno raccontato e viaggiare costa. Se vogliamo portare con noi la mobilia o arnesi e macchinari per la nostra professione, dobbiamo necessariamente affittare un furgone o un container, operazione che può avere costi anche molto elevati. Mettiamo poi in conto la caparra e le eventuali mensilità da anticipare per l’appartamento in cui ci stabiliremo: siccome stiamo valutando la possibilità di cambiare vita senza soldi, non credo sia contemplata l’opzione di acquistare da subito una nuova casa. Se infine decidiamo di affidarci a qualche società che di mestiere aiuta chi vuole scappare dall'Italia, di certo questi signori ci presenteranno presto la parcella.

Se lavoriamo da qualche anno non dimentichiamoci che licenziandoci abbiamo diritto a Riscuotere il TFR, una somma in denaro che, per quanto piccola, può aiutaci nel progetto che abbiamo in mente di realizzare.

Se proprio non abbiamo il becco di un quattrino ci rimangono ancora due alternative:

  • Fare Volontariato all’Estero, che potrebbe permetterci di fuggire e vivere in un luogo nuovo anche se con uno stipendio modesto, ma che richiede pochi vincoli (affettivi e non) e una buona dose di spirito d'adattamento.
  • Vivere nelle WWOOF, fattorie biologiche che ospitano persone in grado di fare lavori perlopiù umili e manuali, in cambio di vitto, alloggio e (qualche volta) un po’ di soldi. Anche in questo caso il cambiamento è assicurato, servirebbero soltanto i soldi necessari per spostarsi da una fattoria all’altra, anche se esistono numerosi Modi Per Viaggiare Senza Soldi.


Lavorare su se stessi


Non è detto che per cambiare vita sia necessario fuggire all'estero, tramite un’attenta analisi dei nostri reali bisogni potremmo realizzare che non è il luogo dove viviamo a non consentirci di essere felici, ma semplicemente il nostro stile di vita o la nostra incapacità di Rapportarci con Gli Altri in Modo Sereno. Scappare è un gesto estremo, di rottura, e nasconde spesso una scarsa forza di volontà: è più facile (almeno nell'immaginario collettivo) tirare una riga e ripartire, ma è anche più complicato e costoso.

Se vogliamo veramente cambiare vita senza soldi, allora dobbiamo semplicemente sostituire l’utilizzo del denaro con un forte impegno in prima persona, una serie di azioni che iniziano con una spietata autocritica nei nostri confronti, al fine di fare emergere con chiarezza le cause della nostra inadeguatezza. Se ci rendiamo conto che non è l’ambiente in cui siamo immersi ad impedirci di stare bene, allora abbiamo risolto ogni problema, perché ci è sufficiente modificare il nostro stile di vita per ottenere dei benefici quasi immediati. Non serviranno soldi, solo impegno nel migliorare se stessi e soprattutto il rapporto con gli altri: nell’80% dei casi siamo scontenti della nostra vita perché non siamo amati e l’amore non ha nulla a che vedere con il denaro.

In questo caso può essere sufficiente la lettura dell’articolo: Come Essere Amati dagli Altri.

Qualora invece ci accorgessimo che è il luogo in cui viviamo o l’ambiente in cui lavoriamo che non ci consentono di essere felici, allora possiamo pensare di adoperarci per un cambiamento che comporti anche un nuovo luogo dove vivere o un nuovo lavoro. Pur restando nel nostro Paese si aprono numerose possibilità, che tuttavia si riducono sensibilmente se continuiamo a ragionare nell'ottica di cambiare vita senza soldi.

Il classico caso è quello di una persona che vive in una grande città e fa un lavoro che non valorizza le proprie capacità o non gli permette di essere creativo. La creatività, nel lavoro come nella vita, è una componente essenziale per sentirsi realizzati. In questo caso possiamo valutare di spostarci Dove In Italia La Vita e le Case Costano Meno e, al contempo, Cambiare Lavoro, magari riuscendo ad Inventarsene Uno oppure a Lavorare Da Casa, così da uscire completamente dai meccanismi e dai ritmi a cui prima si era costretti a sottostare.

Traslocare in campagna porrebbe richiedere l’impiego di pochissimo denaro, cambiare lavoro probabilmente non costerebbe niente, pertanto mi sembrano ottime possibilità per un cambiamento senza soldi. Inventarsi un lavoro, invece, in molti casi richiede un minimo di investimento iniziale, soprattutto se si apre una piccola attività basata sulle proprie passioni; tuttavia, se questa nuova fonte di guadagno venisse costruita un po’ per volta e, senza fretta, si scegliesse di sopportare ancora per qualche tempo il proprio lavoro, si potrebbe limitarsi a re-investire i piccoli guadagni iniziali incentivando una lenta crescita, per poi cambiare vita solo quando i tempi sono maturi.



Smettere di lavorare


Fino a prova contraria smettere di lavorare si può, e ritengo sia la Forma di Cambiamento più interessante e ricca di opportunità che esista. Comporta una trasformazione dell’individuo a 360°, la piena consapevolezza delle proprie capacità, la totale accettazione della vita come dono meraviglioso da non sprecare lavorando, il completo rifiuto del denaro e l’abbracciare senza riserva la scelta di puntare tutto sul rapporto con gli altri. Personalmente mi sento ancora molto lontano da un tale grado di lucidità mentale e forza interiore, ma da quando sto seguendo questo cammino mi sono reso conto che cambiare vita in questo modo richiede pochissimo denaro.

Di fatto è il cambiamento meno costoso che si possa attuare, proprio perché il rifiuto dei valori classici della nostra società porta la persona ad avere sempre meno bisogno di soldi. Da ormai tre anni rinuncio a tutto ciò che contempla l’uso dei soldi, aiuto gli altri senza chiedere nulla in cambio e ho imparato che meno chiedo più ricevo.

Su questa forma di cambiamento ho scritto molto, chi non avesse ancora letto nulla a riguardo dovrebbe ritagliarsi un po’ di tempo per leggere i seguenti articoli.



Se vuoi cambiare, meglio non avere soldi


Dal punto di vista psicologico, nel cambiamento chi non ha soldi è avvantaggio rispetto a chi invece ha una buona disponibilità economica. Chi ha pochi soldi è generalmente portato a credere che se ne avesse sarebbe molto più felice, per questo motivo l’unico rischio che corre è quello di ricercare Metodi Veloci per Guadagnare, restando inevitabilmente fregato, perché metodi legali e moralmente onesti per fare soldi rapidamente non ne esistono. Tuttavia, una volta imparata la lezione, se ha sufficiente forza di volontà non gli resterà che la possibilità di cambiare vita senza soldi, cioè intraprendere uno dei metodi che ho trattato poc'anzi; tutte buone alternative che possono portare ad un vero miglioramento della propria vita.

Chi invece ha una larga disponibilità economica ha maggior difficoltà a capire se la “depressione” dipenda o meno dai propri atteggiamenti e principi non compatibili con il concetto di felicità vera. Siccome considera il denaro un metro del successo, si ritiene un vincente e finisce per ricercare altrove la causa della propria condizione. Si convince che la sua infelicità dipenda principalmente dall'essere circondato dalle persone sbagliate, sfoga la sua rabbia sulla famiglia e sui figli, è poco disponibile nei confronti dei colleghi e probabilmente ha pochissimi amici. Si sente giustificato nel trattare male gli altri perché identifica in loro la fonte del proprio malessere.

Questa tipologia di persona non cerca nemmeno un modo per cambiare vita, perché non capisce che è il cambiamento ciò che gli serve, pensa che siano gli altri a dover cambiare ed ha una spiccata tendenza a risolvere i problemi allontanandosi dalla famiglia (il divorzio), immergendosi nel lavoro (la carriera) e ricercando la solitudine (emarginazione affettiva). Credendosi di successo ha spesso il brutto vizio di non ascoltare e di parlare quasi sempre di se stesso, perdendo l’opportunità di allargare i propri orizzonti e capire che è lui a dover cambiare.

Ne avrete certamente incontrati di individui così, anzi, è molto probabile che abbiate identificato in questa descrizione qualche dirigente o capetto dell’azienda in cui lavorate. Purtroppo i soldi e l’errata idea che il successo personale si misuri in euro o attraverso la targhetta affissa sulla porta dell’ufficio, gli precludono quasi completamente ogni possibilità di cambiamento.

Conclusioni


In definitiva abbiamo capito che cambiare vita richiede o meno denaro a seconda della tipologia di cambiamento che abbiamo intenzione di attuare. Il primo passo è quindi capire bene ciò di cui abbiamo bisogno, perché certe forme di cambiamento possono essere molto costose e poi rivelarsi sopravvalutate o inadeguate ai nostri bisogni. Spero di aver dato una panoramica abbastanza completa su quelle che oggi sono le opportunità di cambiare vita senza soldi e spiegato perché certe strade sono più difficili da affrontare di altre.

Se hai in mente una forma di cambiamento che qui non ho trattato e pensi che possa essere attuata senza soldi, sarò lieto di approfondirla e integrare questo breve articolo con le esperienze di chi ce l’ha fatta o con le idee di chi ha scelto di mettersi in gioco e migliorare la propria vita.

12 commenti:

  1. Gentile Signore, io sono pensionato,ho 67 anni, una buona posizione economica, vorrei andarmene dall'Italia e prendere la residenza in Georgia, acquistare una casa in una località di mare e vivere con i ritmi lenti di questa popolazione. Mi dicono che per non pagare le imposte in Italia, bisogna stare all'estero più di sei mesi annui (anche non continuativi?). Non voglio più contribuire al mantenimento di questo Stato LADRO, quello che ho lo voglio per me. Mi può dare un aiuto in tal senso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gentile Anonimo, per non pagare le tasse in italia deve avere la residenza all'estero e farti recapitare lì la pensione, contatta l'ambasciata italiana in Georgia o prendi appuntamento all'INPS, loro ti sapranno dare tutte le info di cui necessiti.

      Elimina
  2. Uno dei tuoi migliori articoli Francesco, complimenti. Sono mesi che penso e ripenso e sono arrivato alla conclusione che il problema non è il posto dove si vive, ma come si vive. Diamo la colpa dei nostri malesseri alle condizioni esterne quando in verita il cambiamento che cerchiamo è dentro la nostra testa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ale, vedo che stai tenendo duro anche tu con il tuo blog, complimenti per il lavoro che fai, articoli molto utili che leggo sempre con interesse!

      Elimina
    2. Grazie Francesco, mi fa piacere di averti fra i miei lettori :)

      Elimina
  3. Complimenti! Ottimo articolo.

    Sono arrivato a cinquant'anni e non ho mai fatto un giorno come dipendente nonostante le numerose occasioni che mi sono capitate. Continuo a fare il consulente per 120-130 giorni l'anno e mi godo il tempo libero. I miei amici e conoscenti che lavorano come dipendenti in aziende d'informatica di primaria importanza sono diventati macchine per lavorare: lavorano fino alla sera tardi, a volte anche durante il fine settimana (spesso non gli pagano neanche gli straordinari e quando glieli pagano sono super tassati).
    Molti sono accecati proprio dalla carriera ed altri dal denaro che poi, spesso, buttano...
    E come se vivessero in uno stato di ipnosi... collettiva.

    RispondiElimina
  4. Ciao io vorrei ricominciare tutto da zero la carriera, ho fatto un corso di borda costato ben bene ma voglio fare una ricerca da 0 leggendo e informandomi per poi cercare una passione che mi dia risultati profiqui... che ne pensi?.............. Voglio resettare tutto insomma, partendo da me stesso

    RispondiElimina
  5. ciao sono Max
    complimenti bell'articolo
    ma come fai con affitto e bollette?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elettricità non la pago perchè ho il fotovoltaico, anzi guadano circa 900 euro l'anno vendendo l'energia. Riscaldamento taglio la legna nel bosco. Affitto non lo ho perchè ho costruito casa ormai 5 anni a fa.

      Elimina
  6. Ciao, ma come hai pagato casa e impianto fotovoltaico? E la connessione internet x mantenere e popolare questo blog? I soldi -purtroppo- servono sempre e, dalla mia esperienza ho visto che chi sceglie la vita "semplice e povera" molto spesso ha le spalle ben coperte da un sostanzioso contocorrente. Conosco gente che ha un reddito saltuario con nessun conto corrente ne lavoro....e tanto "tempo libero" ma credimi non è cosi felice di mangiarsi solo il radicchio che raccoglie durante l inverno nell'orto...comunque il bello della vita è che ci sono tante diversità e opportunità che ognuno coglie in maniera diversa. In bocca al lupo x il blog (che è comunque interessante)!

    RispondiElimina
  7. Fammi capire Francesco... Traslocare in campagna costa pochissimo ? In quale dei tuoi sogni ? Le case in campagna, sfitte, se mai ce ne siano, non so o agibili e se sono in affitto il costo mensile non è accessibile a tutte le tasche proprio perché la campagna va di moda ormai e quindi i relativi rustici e casolari quando in affitto hanno appunto costi proibitivi... Quindi va bene tutto ma per cortesia non inventiamoci cose di sana pianta...

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.