10 Trucchi per Sopravvivere al Lavoro e Cambiare Vita

Per cambiare vita occorre prima saper sopravvivere al lavoro
Come sopravvivere al lavoro per cambiare vita

Quante volte ci siamo lamentati del nostro lavoro e abbiamo deciso che era ora di cambiare vita? Quante volte, sfiniti dai ritmi massacranti, dai traguardi impossibili, dai colleghi esaltati e arrivisti e dallo stress di una vita completamente votata all'assurda produzione seriale di beni di consumo, abbiamo sognato di mandare tutti a quel paese.

Il lavoro che stai svolgendo non fa per te, vorresti cambiare e dedicarti a un’attività che rispetti i tuoi bisogni e rispecchi la tua personalità? Ecco dieci trucchi per migliorare subito la tua condizione lavorativa, mentre progetti il tuo cambio di vita.


Per affrontare un cambiamento così importante, occorrono mente lucida ed energie, un lavoro stressante può ostacolare il cambiamento, è quindi essenziale riuscire a vivere sereni, in modo da pianificare al meglio la nostra dipartita.


1. ODIO NEI CONFRONTI QUELLO CHE FAI


La sera vai a dormire pensando che il giorno dopo dovrai trascorrere ancora tutta la giornata in quel maledetto posto di lavoro, al mattino fai di tutto per restare a letto il più possibile e poi sei di cattivo umore tutta la giornata. Il tuo stato di malessere persistente si ripercuote sulla tua famiglia, causando tensioni e malcontento.

Come migliorare nell'immediato

Prendi le distanze da quello che fai, lavora solo l’indispensabile, attenendoti alle direttive e ignorando problematiche che non ti competono. Lavora solo otto ore, torna a casa e fa qualcosa per staccare la spina, corri mezzora, fai una doccia, cucina, porta la tua compagna/o a cena fuori… insomma, anche se sei stanco e vorresti cadere in catalessi davanti alla TV, fai attività che ti fanno dimenticare il lavoro e che migliorino la tua condizione mentale e i rapporti con gli altri.

2. DESIDERI OCCUPARTI DI TUTT'ALTRO


Il lavoro che prima di ti piaceva e ti motivava ora è diventato noioso e privo di stimoli, non riesci a mettere entusiasmo nell'attività lavorativa, le ore passano lentamente e la tua produttività cala di giorno in giorno. Inizi a sognare un nuovo posto di lavoro, dove finalmente ti senti realizzato ed appagato.

Come migliorare nell'immediato

Consulta quotidianamente gli annunci di lavoro, e tieni aggiornato il curriculum. Trasforma i tuoi sogni in progetti, non aspettare che l’occasione ti cada addosso, cercala! Usa il tempo a tua disposizione per imparare cose nuove che ti possono aprire nuovi orizzonti lavorativi, manda più curriculum che puoi, anche a quelle aziende che non richiedono la tua figura professionale, è incredibile come dal niente si crei un’opportunità. 


3. PARLI ALLE SPALLE DEI COLLEGHI


Se passi troppo tempo a parlare alle spalle dei colleghi, a estrapolare informazioni per conoscere accadimenti aziendali che non ti riguardano o per indagare sull’attività lavorativa e privata del tuo capo, è sintomo di un alto livello di malessere e intolleranza verso il posto di lavoro

Come migliorare nell'immediato

Prendi coscienza del fatto che spettegolare alle spalle di un superiore in modo continuo, significa cercare di ottenere da solo quel prestigio che ti viene negato, cioè costruirsi da se un ruolo all’interno dell’ambiente lavorativo, al fine di essere riconosciuto migliore di altri, screditandoli. Probabilmente quello che fai non ti appaga e non ti senti valorizzato, valuta di cambiare ruolo o di poter lavorare in maggior autonomia.


4. PROVI RISENTIMENTO VERSO COLLEGHI O SUPERIORI


Se nell’ambente lavorativo ti trovi spesso in disaccordo con i colleghi e covi risentimento nei confronti di qualcuno per i motivi più disparati, è evidente uno stato di malessere. Se il rancore dura da molto, non ci sono grandi possibilità che in futuro tu riesca a convivere con le persone con le quali sei costretto a passare gran parte della tua giornata. Solitamente il risentimento è fortemente legato al pettegolezzo, soprattutto quello volto a screditare un collega o il proprio superiore, al fine di mettere in discussione la sua autorità lavorativa

Come migliorare nell'immediato

Rifletti attentamente sulle motivazioni per le quali provi risentimento, se le cause dipendono dal comportamento di quella persona, parlane apertamente con lui mettendo le carte in tavola e spiegando cosa del suo modo di fare non ti va bene o quale evento ha scatenato verso di lui il tuo astio, ti sentirai subito meglio e forse riuscirai a recuperare un rapporto perduto e vivere serenamente sul luogo di lavoro.


5. DISTURBI PSICOSOMATICI


Dividere la sfera lavorativa da quella privata non è semplice, l’individuo è uno, quello che accade nel mondo del lavoro si ripercuote inevitabilmente sul privato. Chi vivere sereno anche a fronte di una situazione lavorativa non rosea, ci riesce perché sa dare pochissima importanza al lavoro, e dedicare tutte le sue energie alla vita privata. Provare spesso mal di testa, dolori di stomaco o sfoghi cutanei, possono essere segnali di un ambiente lavorativo troppo stressante e della difficoltà che si ha nell'affrontarlo.

Come migliorare nell'immediato

Prenditi una vacanza il prima possibile, stacca totalmente da quello che fai, vai in un posto lontano dove la filosofia di vita occidentale non esiste, dove puoi vivere con lentezza e raffrontarti con una cultura completamente diversa dalla nostra. Dormi molto, cerca di coricarti presto e alzarti presto, in modo da sfruttare al massimo le ore migliori della giornata, ed evitare impegni in quelle in cui la stanchezza si fa sentire maggiormente.

6. DAI POCA IMPORTANZA AL TUO OPERATO


Ritieni che quello che fai non abbia valore, che non venga apprezzato perché non riesci ad avere un riscontro diretto sulla qualità del lavoro che svolgi, il tuo superiore non ti loda quando fai un buon lavoro, al contrario, è sempre pronto a riprenderti anche per il minimo errore. Ti senti poco apprezzato e ritieni che le tue capacità non siano sfruttate al meglio.

Come migliorare nell'immediato

Parla immediatamente con il tuo superiore, spiegagli che ti senti poco valorizzato e che vorresti maggior autonomia decisionale in quello che fai, chiedi di essere coinvolto nei risultati e negli obiettivi, hai il diritto di conoscere il perchè di certe scelte, quindi insisti affinché ti venga sempre spiegato ciò che sta accadendo e per quale motivo. Proponi soluzioni valide o punti di miglioramento, facendo una lista delle cose che non vanno.


7. CALO PRESTAZIONALE


Un volta, nello stesso lasso di tempo, riuscivi a produrre molto più di adesso, non riesci a concentrarti o a lavorare con serenità. Ti sembra di non avere mai abbastanza tempo per portare a termine il tuo lavoro, e talvolta vieni ripreso per non riuscire a stare al passo con la produzione.

Come migliorare nell'immediato

Individua in maniera risoluta i motivi per i quali non riesci più a lavorare come un tempo: colleghi che ti interrompo sempre, troppa confusione nell’ambiente lavorativo, rumore, disorganizzazione, tempistiche di produzione troppo pressanti, e fai una lista con motivazioni ed esempi concreti. Cerca di arginare le possibili cause della tua bassa produttività, se necessario chiedi di cambiare luogo di lavoro o ruolo.


8. SEI DISORGANIZZATO


Non riesci a pianificare le tue attività, ti dimentichi di fare ciò che ti è stato chiesto, non riesci a trovare la soluzione ad alcune problematiche o a prendere dal verso giusto ciò che devi fare. Ti ritrovi spesso con più cose da fare contemporaneamente, appuntamenti che si accavallano o lavori sempre urgenti.

Come migliorare nell'immediato

Cambia il tuo modo di organizzare le attività, ogni mattina fai una lista per priorità di quello che devi fare in giornata e impara a dire no a chi ti chiede di fare qualcosa per lui o un aiuto che ti allontani troppo dal tuo obiettivo. Valuta anche di demandare l’organizzazione delle tue attività ad una terza persona, che si occupi solo di pianificarti la giornata. 


9. MANCHI DI CREATIVITÀ


La creatività è la linfa vitale di ogni nostra attività, se non possiamo essere creativi, mettere del nostro in quello che facciamo e trarne godimento, il fare stesso non ha senso. Se il tuo ruolo lavorativo non di permette di essere creativo, valuta di cambiare completamente, perché per rendere sopportabile la giornata, è perentorio potersi ingegnare al fine di creare qualcosa che si frutto del nostro intelletto.

Come migliorare nell'immediato

Non limitarti a svolgere il tuo compito, ritagliati del  tempo per aggiungere valore a quello che stai facendo, mettere un tocco personale nelle tue creazioni. Se il tuo lavoro non ti permette questo tipo di libertà, chiedi di poter aiutare un collega nella sua attività, avvalorando il suo operato con le tue idee e la tue capacità.

10. INTOLLERANZA VERSO LE REGOLE


Trovi che le regole che sei costretto a rispettare siano ingiuste e discriminanti, non riesci a comprendere il perché dell’imposizione di un certo tipo di comportamento, e ti sembra ti essere stato penalizzato anche se non hai mai fatto niente per meritarlo.

Come migliorare nell'immediato

Parla con i tuoi colleghi della situazione, chiedi cosa ne pensano e poi scrivi un documento formale nel quale spieghi (con garbo e rispetto) il tuo punto di vista, perché le direttive date non sono accettabili e quali sono le conseguenze che un regolamento di questo tipo può portare. Fai firmare il documento a più persone possibili e presentalo formalmente ai tuoi superiori.


ANCORA UN CONSIGLIO


Molto spesso siamo noi la causa stessa dei nostri mali, ci aspettiamo di essere trattati in una certa maniera, ma a nostra volta non abbiamo un atteggiamento e una dedizione tale, da meritarci un trattamento di riguardo. La nostra educazione, il nostro modo di fare, non sempre sono compatibili con gli altri o adatti a certi ambienti, soprattutto perché siamo costretti a lavorare con persone che non abbiamo scelto, e con le quali siamo però  costretti ad andare d’accordo. 

E’ poi vero che solitamente non facciamo niente per migliorare le cose, ci piace molto fare polemica e gossip, ma poi non proponiamo nulla di concreto e preferiamo un atteggiamento disfattista e di resa, ad una volontà propositiva al cambiamento. 

Uno studio americano pubblicato sul “Journal of Personality and Social Psychology”, ha rivelato che i rompiscatole (chiamiamoli così) hanno stipendi in media superiori del 18%.

3 commenti:

  1. Sono esattamente in questa situazione e credo che vi sono giunta per motivi miei e dei miei colleghi e superiori. Sono un ingenere e sono una ragazza ... quanto e' difficile essere presa sul serio e (non scherzo) quanto e' difficile far capire ai suddetti colleghi e superiori che ANCHE IO (!!!! strano eh) comprendo / capisco ... davvero frustante .. non ho vogli a di combatter per delel cose cosi' elementari, e' semplicemente ingusto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la mia solidarietà sono anche io una lavoratrice laureata donna, purtroppo siamo molto svantaggiate tieni duro e guardati intorno. saluti

      Elimina
  2. ciao io invece ho 41 anni lavoro come operativo in una azienda e oltre a ricevere pressioni di superiori, mi tocca a fare un servizio di reperibilita 24 ore per una settimana intera dopo il lavoro!Lo trovo assolutamente assurdo poiche l'idea che mi aspetti una vita cosi mi fa progettare di mollare e anddarmene all'estero.é troppo massacrante e probabilmente non fa per me.

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.