Quanto si Risparmia Facendo il Pane in Casa

Risparmia molto soldi cuocendo il pane in casa
Risparmia una notevole quantità di denaro
producendo il pane in casa. Ogni famiglia può
risparmiare oltre 400 euro all'anno
Sono definitivamente convinto che l'autoproduzione sia la soluzione ultima per risparmiare denaro, evitare di dipendere dalle follie dei mercati e liberarsi dal più grosso dei mali che affligge la nostra società: l'essere schiavi del lavoro. E' molto difficile riuscire ad autoprodursi tutto, ma ci sono tutta una serie di piccole cose che possono essere facilmente fatte in casa, può essere quindi interessante capire quanto si risparmia facendo il pane in casa.


Ieri sera, un piovoso sabato sera di primavera, stavo cenando con un buon passato di verdure e del semplice pane fatto in casa, che mia moglie prepara ogni settimana, per lei ormai un'abitudine che fa parte del suo grande hobbie (la cucina), per il mio palato una delizia indiscutibile.

Sappiamo che di recente si è verificato un amento del costo dei beni primari, che si stima influirà pesantemente sulle spese annuali di ogni famiglia; il caro pane è purtroppo uno di questi fattori, quindi mi sembrava interessante capire quanto annualmente si risparmia autoproducendosi il pane.  Attualmente il pane base, cioè quello fatto di sola farina, sale, acqua e lievito costa mediamente 2.95€ al chilo, il 90% della popolazione compra il pane ogni giorno e mediamente ogni italiano consuma 58 chili di pane all'anno.
Questo vuol dire che ad ognuno di noi il pane costa 171€ l'anno.

Ora vediamo quanto mi costa effettivamente produrre, in casa, un chilo di pane semplice: 

..........................................................................................................................................................

  • Farina (750g):        mi costa 0,64€ al chilo, quindi 0,48€
  • Acqua (1/2 litro):    mi costa 0,0017 al litro, quindi 0,00085€
  • Sale:                      costo irrisorio
  • Lievito:                  non lo utilizzo perché ho la pasta madre 
...........................................................................................................................................................

A questo conteggio va aggiunta la spesa in energia elettrica necessaria a cuocere il pane nel forno di casa. A dire il vero ho già sottoscritto il contratto per installare i pannelli fotovoltaici, quindi questo costo non dovrei nemmeno addizionarlo; tuttavia lo includo perché può essere interessante valutare il risparmio anche per chi non può godere di tale vantaggio. Per cuocere il pane serve un ora di forno a 200 gradi, mediamente un forno consuma 2.5 kW ora, un chilowatt mi costa 0.17€, quindi spendo 0,425€

In definitiva, per produrre un chilo di pane in casa, spendo circa 0,90€, questo significa che annualmente autoprodurmi il pane mi costa circa 52€

Il risparmio netto annuo pro capite è quindi di 171€ - 52€ = 118€

Adesso considero la mia particolare situazione, nella quale devo sottrarre anche il costo dell'energia elettrica necessaria al funzionamento del forno, perché come ho ampiamente specificato nel post "Conviene fare il fotovoltaico?" ho richiesto l'installazione di un impianto fotovoltaico, per cui non solo non pago l'energia elettrica, ma addirittura prevedo di guadagnarci 1356€ all'anno. Quindi nella mia particolare condizione, per un chilo di pane spendo 0,48€ che, in un anno sono 27€.

Nel mio caso quindi, facendo il pane in casa, il risparmio è di 171€ - 27€ = 143€.

In una famiglia media, composta da 3 membri (padre, madre e figlio) il costo annuo del pane si aggira quindi attorno ai 513€, che possono essere ridotti a 156€ con un risparmio di ben 357€. Nel mio caso invece si tratta addirittura di un risparmio di 423€.

smetteredilavorare.it

10 commenti:

  1. ottima e utile guida
    grazie

    RispondiElimina
  2. Mi piace il calcolo fatto per il caso generale, ma a mio avviso l'energia elettrica ha un costo anche nel tuo caso. Bisognerebbe tener conto del costo di installazione e mantenimento del impianto fotovoltaico. O per lo meno considerare il mancato ricavo dalla vendita di corrente elettrica (se non la utilizzi per il forno, la potresti vendere alla rete, guadagnandoci).
    Comunque il risparmio rimane alto. Grazie per l'articolo.

    RispondiElimina
  3. Bisogna conteggiare l'acqua per lavare gli strumenti usati e la corrente elettrica o la fatica per impastare. Tanto vale comprarlo a 2 euro al kg

    RispondiElimina
  4. Il pane non costa 2 euro al kg ma molto di più. Non lo trovi a meno di 2,60 euro al kilo almeno qui

    RispondiElimina
  5. 1.80 kilo di pane da Carrefour
    imparate a comperare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non in tutte le regioni esiste il Carrefour...

      Elimina
    2. Ma non sai cosa ti mangi, vuoi mettere il beneficio in salute? Se vuoi anche economico?

      Elimina
  6. bella idea, comunque scherzosamente, il lavoro di tua moglie non costa nulla, ovviamente, ahaha

    RispondiElimina
  7. Il pane al Lidl , tipo pugliese, costa 1 euro al kilo, anche abbastanza buono .
    Io però preferisco farmelo in casa per vari motivi:
    - ci metto la farina buona , non uso conservanti, zuccheri artificiali, non è decongelato , quelli che si comprano in giro speso li hanno o arrivano da paesi dove le norme igieniche sono scarse
    - spesso aggiungo qualche seme, o crusca,spesso olio di oliva, quindi è un pane speciale che costa in genre non meno di 4,5 euro al Kilo

    Il conto è interessante, ma mancano le voci di impasto, lavaggio, conservazione , la farina si trova anche a 0,50 al Kg, la corrente costa 22 cent/kw ora. bastano 40 minuti a 150 gradi per fare 1 kg di pane, oppure 20 a 200.
    Si può ottimizzare la spesa sfruttando il forno caldo prima o dopo, per esempio per cucinare patate, arrosti ecc. probabilmente si può cucinare il pane anche solo sfruttando il calore residuo di altri piatti con cottura di 1 ora.
    Si può quasi annullare il costo del forno usando la pentola Fornetto tipo Versilia.

    RispondiElimina

Sono molto felice che tu abbia deciso di lasciare un commento, la tua opinione è molto interessante per me, tuttavia prima di commentare tieni presente le seguenti informazioni:

1. Prima di fare una domanda usa il form di ricerca in alto a destra e leggi la sezione Contatti, dove ci sono le risposte alle domande più frequenti.
2. Vengono accettati solo commenti utili, interessanti e ricchi di contenuto.
3. Non linkare il tuo sito o servizio per farti pubblicità, non servirebbe, i link sono tutti no_follow e comunque il commento non verrebbe pubblicato.
3. Se il commento è offensivo (anche in modo sottile e indiretto) non verrà pubblicato.